Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Adrano, condannato a 30 anni Antonio Magro
Ritenuto mandante dell'omicidio Maccarrone

Il 14 novembre del 2014 l'uomo venne freddato all'alba da due killer piombati a bordo di uno scooter in via Cassarà. L'uccisione venne ordinata dall'uomo del clan Morabito di Paternò condannato dopo il processo con rito abbreviato

Salvatore Caruso

Antonio Magro, legato al clan Morabito- Rapisarda di Paternò, è stato condannato a 30 anni di carcere quale mandante dell’omicidio di Maurizio Maccarrone, avvenuto all’alba del 14 novembre del 2014 ad Adrano, in via Cassarà, nel quartiere Cappellone. Ad emettere la sentenza di condanna - Magro aveva scelto il rito abbreviato - il giudice per le indagini preliminari Pietro Currò, con Assunta Musella a rappresentare la pubblica accusa. Entro 90 giorni saranno depositate le motivazioni. Costituitasi come parte civile la moglie della vittima, rappresentata dall’avvocato Pietro Scarvaglieri. Magro attualmente si trova detenuto perché arrestato nell’ambito dell’operazione antimafia En plein. Inoltre, lo scorso maggio, il mandante dell’omicidio Maccarrone era stato raggiunto da un ordine di custodia cautelare in carcere, in quanto avrebbe partecipato, come vedetta, all'omicidio del boss ergastolano Turi Leanza, avvenuto nel giugno 2014 a Paternò.

L’omicidio Maccarrone sarebbe maturato per la gelosia provata da Magro, difeso dagli avvocati Eugenio De Luca e Guido Ziccone, nei confronti dell'uomo per una presunta relazione che avrebbe avuto con una donna - circostanza forse mai verificatisi - con la quale il mandante a sua volta aveva avuto una relazione sentimentale. Ad eseguire l’omicidio Massimo Merlo - colui che ha materialmente fatto fuoco, legato al clan Scalisi di Adrano - e Massimo Di Marial’uomo che quella mattina guidava lo scooter. I due uomini saranno giudicati, in Corte d’Assise con rito ordinario; il processo avrà iniziò il prossimo 19 luglio.

A dare la svolta alle indagini erano state le dichiarazioni di un collaboratore di giustizia. Si tratta di Gaetano Di Marco, affiliato al clan Scalisi di Adrano, che ha consentito di acquisire una serie di elementi precisi e concordanti, sia sul movente dell’ omicidio che per quanto riguarda mandante ed esecutore. I clan Morabito-Rapisarda e Scalisi hanno stretti legami con la famiglia mafiosa dei Laudani, i mussi 'i ficurinia. Ci sono poi le immagini delle telecamere che hanno immortalato i momenti dell'agguato: Maccarrone, uscito da casa di buon mattino per andare a lavoro, si stava dirigendo verso la propria auto, quando i due killer a bordo di uno scooter e con il volto travisato lo affiancavano. Per l'uomo non c'era stato scampo. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×