Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

AAA cercasi lavoro su internet
Proposte indecenti, annunci surreali

Trovare un impiego attraverso il web non è una passegiata. Ve lo raccontiamo in questo primo appuntamento nel quale un'aspirante giornalista racconta la sua vita fatta di alert e compilazione di form. Segnalateci gli annunci migliori nei quali vi siete imbattuti e tranquilli: un futuro in un posto di stigliola è sempre dietro l'angolo

Ornella Balsamo

Cerchi lavoro? Noi sappiamo come fregarti. Dovrebbe essere questo lo slogan di molti siti internet che pubblicano annunci per la ricerca di lavoro. Grazie ai vari disclaimer – reperibili più o meno facilmente all'interno del sito – lo stesso si solleva da qualsiasi responsabilità sul contenuto degli annunci, sulla decenza della proposta pubblicata o sull'affidabilità dell'inserzionista. E con tanta pazienza ed un pizzico di rassegnata ironia, si potrà capire parecchio sul mondo del (non)lavoro, addentrandosi nella selva selvaggia degli incarichi non retribuiti mascherati da speranze di gloria e testando con mano la presunta furbizia di molti datori di lavoro.

Ho iniziato a cercare un'occupazione subito dopo la laurea e, non avendo i «contatti giusti» né santi in paradiso, e vivendo in una città grande e dispersiva come Milano, mi sono affidata a parecchi siti che si occupano della pubblicazione di annunci di lavoro: Infojobs, Bianco lavoro, Lavori creativi, Trovit, Bakeka.it, Kijiji, Jobrapido solo per nominarne alcuni. Il meccanismo è piuttosto semplice: si effettua una ricerca utilizzando alcune parole-chiave – nel mio caso giornalismo, giornalistawebzineredattoreMilano – e si accede agli annunci. Per comodità si può attivare l'allerta, inserendo il proprio indirizzo e-mail e ricevendo periodicamente gli annunci contenenti le parole-chiave di proprio interesse direttamente nella propria casella di posta elettronica. In alcuni siti – come nel caso di Infojobs – è necessario prima registrarsi, compilare un form anche parecchio dettagliato che richiede la compilazione del curriculum e permette l'inserimento di dati specifici, come il reddito percepito. In altri è sufficiente cliccare, allegare il proprio curriculum con qualche riga di presentazione ed incrociare le dita.

Ogni giorno ricevo parecchie mail contenenti annunci di lavoro ed ogni giorno leggo vere e proprie proposte indecenti, maldestri tentativi di raggiro, inserzioni surreali, talmente tanti da aver maturato decisione di raccoglierli in una galleria di immagini su Facebook – e prossimamente su un blog dedicato – per poter almeno sorridere e condividere con i miei contatti telematici questo tipo di esperienza. Qualche esempio? «La collaborazione s'intende a titolo gratuito, ma permette l'ottenimento del tesserino. INVIATE IL VOSTRO CV!».

Con molta probabilità, la figura del pubblicista potrebbe venir declassata a causa della liberalizzazione delle professioni agognata dal Decreto di stabilità, ma fino a quando la legge sull'accesso all'elenco pubblicisti dell'Albo dei giornalisti resterà in vigore, la retribuzione sarà un vincolo imprescindibile al fine di ottenere un tesserino. Di annunci di questo tipo se ne trovano a decine: alcuni promettono «la massima visibilità», altri manifestano cordoglio e dispiacere, altri ancora parlano di «compenso simbolico», ma il succo del discorso rimane sempre quello, lavorare gratis. Sulla stessa lunghezza d'onda, le numerosissime offerte di «stage non retribuito».

Può capitare anche di leggere l'annuncio diramato da un fantomatico portale di informazione online che non esiste (in genere si tratta di annunci-trappola per aver accesso ai dati sensibili di chi invia ingenuamente il curriculum). Gettonatissima anche la formula «siamo no profit, quindi non vi paghiamo». Oppure può capitare di imbattersi in un'offerta di stage giornalistico in tele-lavoro, che è un po' come dire «impara a nuotare nel deserto».

Esiste una possibilità di difesa per i poveri precari in cerca di lavoro? Non ancora: la maggior parte dei siti di annunci funziona come un semplice aggregatore e non vigila in effetti sul contenuto o sull'identità del mittente. Mai, nemmeno quando si paga per poter visionare un annuncio di lavoro: capita ad esempio anche su Infocity.it, che si propone di «aiutare gli addetti del settore nella ricerca di opportunità professionali, con contenuti attendibili, evitando perdite di tempo in un comparto dove le incertezze e le notizie poco affidabili sono frequenti. Gli annunci di Infocity dedicati al lavoro – si legge sul sito – sono notizie e informazioni cercate ed elaborate con cura e che possono fornire buone occasioni. Per questo sono a pagamento». Ma anche qui ci si può imbattere nell'immancabile disclaimer: «Infocity non si assume responsabilità per il contenuto degli annunci pubblicati».

E allora chi se le assume queste responsabilità? Se ne fanno carico gli utenti, denunciando e denigrando. Repubblica degli stagisti  si impegna ormai da tempo su questo versante, mentre in questi giorni impazza l'hashtag #nofreejobs su Twitter, perché – come dice il blogger Paolo Ratto – «gratis non si lavora, si ozia».

Il sito Annuncicreativi.com dà anche occasione – a chiunque voglia metterci la faccia – di commentare tramite il proprio account Facebook un annuncio, dare il proprio feedback, a costo di esporsi ma almeno potendo riderci su. Chissà che non si avveri il motto «una risata vi seppellirà».

 

[Foto di courosa]

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×