Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

OccupyCatania, studenti in corteo
«Ce l'abbiamo con le banche»

Un migliaio di ragazzi hanno partecipato stamattina alla manifestazione organizzata dal Movimento studentesco catanese. Traffico bloccato nel centro città e rotoli di carta igienica lanciati contro le filiali di alcune banche e della Confindustria etnea. «Non ci fidiamo di Mario Monti», dicono i giovani durante la protesta

Luisa Santangelo

«Noi la crisi non la paghiamo». Più che uno slogan, è un evergreen, come Rino Gaetano e i 99 Posse a fare da colonna sonora di un corteo. Come quello definito sui social network #OccupyCatania che stamattina da piazza Roma è arrivato al provveditorato agli studi di via Coviello. Una manifestazione tranquilla, fatta eccezione per il traffico bloccato, i rotoli di carta igienica lanciati contro le filiali di alcune banche e della Confindustria etnea, e uno striscione appeso sui portoni – chiusi – dell'istituto scolastico paritario Savoia, in via Napoli. Colpevole, quest'ultimo, di essere una scuola privata. «Un diplomificio», spiega Matteo Iannitti del Movimento studentesco catanese, promotore della manifestazione.

[youtube

Un migliaio di partecipanti – secondo le forze dell'ordine presenti sul posto – hanno gridato il loro dissenso nei confronti delle banche. Vicini, almeno idealmente, agli organizzatissimi gruppi statunitensi di OccupyWallStreet. Nel mirino dei catanesi, non più l'ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, ma il neo-incaricato premier Mario Monti. «Non è nient'altro che un banchiere, non possiamo festeggiare per il fatto che adesso governi lui», sostiene Gabriele Grillo, del collettivo della facoltà di Informatica dell'università di Catania.

Dopo qualche ora di marcia attraverso il centro cittadino, il corteo si è fermato in assemblea davanti al Provveditorato. «Ci dispiace che le forze dell'ordine ci abbiano accompagnati durante tutto il percorso - dichiara al megafono Iannitti - Abbiamo già dimostrato che se vogliamo entrare in questo posto possiamo farlo quando e come vogliamo». Una delegazione di studenti e insegnanti è infatti entrata negli uffici per discutere i problemi delle scuole pubbliche nel capoluogo etneo. Il resto del corteo si è intanto riunito in un'assemblea, partecipata per lo più dagli studenti medi. Durante l'incontro i ragazzi hanno lamentato le carenze dell'istituzione scolastica cittadina, con un accenno ai problemi di sicurezza delle strutture universitarie etnee.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×