Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Scempio dei beni culturali in Italia
L'inchiesta della coppia Stella-Rizzo

Il giornalista del Corriere della Sera Gian Antonio Stella presenta a Catania Vandali – L’assalto alle bellezze d’Italia, libro scritto insieme al collega Rizzo. Un volume-denuncia su come il Paese distrugge il suo patrimonio artistico e naturale. L'autore: «Per invertire la tendenza bisogna diffondere queste storie e dare voce ai giovani». Proprio come sta succedendo per l'ex Collegio dei Gesuiti

Agata Pasqualino

«In Italia non abbiamo petrolio, né miniere o pampas sterminate. Abbiamo solo un’immeritata enorme ricchezza: la bellezza dei nostri beni culturali». Un tesoro che non viene curato, ma distrutto, denuncia il giornalista del Corriere della Sera Gian Antonio Stella che ieri ha presentato al Monastero dei Benedettini il libro Vandali – L’assalto alle bellezze d’Italia, scritto insieme al collega Sergio Rizzo. Un’inchiesta dettagliata e amara su come nel nostro Paese si fa scempio del patrimonio culturale e artistico.

Davanti a un auditorium De Carlo colmo di uditori, tra cui pochi giovani, l'autore del best seller La casta - scritto sempre insieme a Rizzo - ha mostrato i risultati della noncuranza, della speculazione e dell’abusivismo che distruggono le ricchezze artistiche e deturpano quelle naturali. Al Nord come al Sud. Da Pompei a Torino, da Selinunte a Vercelli. «La differenza sta solo nel fatto che al Nord gli scempi sono autorizzati e al Sud no», dice Stella, mentre fa scorrere le immagini, suscitando lo sgomento degli spettatori. In una si vede l’Appia Antica, la strada più importante del mondo, vecchia millenni, su cui si permette il transito alle auto blu per far evitare ai politici i semafori dell’Appia Nuova. In un’altra il piccolo albergo San Pietro di Taormina in stile liberty, demolito per fare spazio al ben più voluminoso Grand hotel di proprietà dell’editore-direttore etneo del giornale La Sicilia Mario Ciancio. Centinaia di foto che mostrano come il Paese che possiede il numero maggiore di siti dichiarati patrimonio dell’umanità dall’Unesco – 45 per la precisione – sia anche quello che li sfrutta peggio. Una dura realtà che il cronista del Corriere spiega con franchezza, passione e ironia. Non sono infatti mancate le risate, seppur amare.

«Non basta avere un tesoro se poi si investe solo lo 0,19 per cento del Pil nell’unica grande bellezza che abbiamo. È un delitto», denuncia Stella. «Cosa si può fare per fermare lo scempio?», arriva - inevitabile - la domanda dal pubblico. «Diffondere queste storie. Coinvolgere i giovani e dare spazio alle loro denunce. Mi trovo spesso a leggere delle nostre ricchezze distrutte sui loro blog, anche se non sono il Corriere della Sera», risponde il giornalista.

E in un dibattito sul degrado delle bellezze d’Italia non si poteva non ricordare la situazione in cui versa il Collegio dei Gesuiti. Una storia che non si trova nel libro, ma di cui Stella ci assicura che si occuperà. Una vicenda di vandali proprio dietro l’angolo, che riguarda i catanesi, gli italiani e il mondo. E che vede i giovani come indignati lottatori.

[Foto di atta.]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×