Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ginnastica Sicilia: ritmo e talento
Successo azzurro alle falde dell'Etna

Incetta di medaglie per la nazionale di ginnastica ritmica impegnata in un evento internazionale a Catania. Contro le colleghe dell'Est europeo, le italiane hanno ottenuto i risultati migliori tra senior e juniores. Soddisfatto il presidente della FederGinnastica Sicilia: «Qui il movimento è buono e ne siamo felici»

Roberto Quartarone

La stella è stata Julieta Cantaluppi, già qualificata per le Olimpiadi di Londra 2012, ma la serata internazionale di ginnastica ritmica di sabato scorso al PalaCatania ha incoronato anche le tante juniores – soprattutto le bielorusse, vincitrici della competizione a squadre, e le italiane, medaglia d’argento – e altre due candidate alla partecipazione alle Olimpiadi, l’italiana Federica Febbo e l’ucraina Anna Rizatdinova. In una buona cornice di pubblico, che occupava una tribunetta laterale dell’impianto di corso Indipendenza, la seconda serata di Ginnastica Sicilia 2011 ha avuto successo e soprattutto ha confermato l’ottima condizione della Cantaluppi – sei volte campionessa italiana e oro agli ultimi Giochi del Mediterraneo – che ha fatto incetta di medaglie.

La competizione è stata divisa in un pre-europeo riservato alle ginnaste juniores e un pre-olimpico dedicato alle senior; erano presenti cinque delegazioni da Italia, Bielorussia, Russia, Bulgaria e Ucraina. Le ginnaste si sono esibite nei quattro attrezzi, cerchio, palla, clavette e nastro, giudicate da una giuria internazionale che ha poi premiato le migliori al termine di un lungo pomeriggio. Oltre alle tre medaglie d’oro e una d’argento della Cantaluppi, le italiane hanno portato a casa anche un argento e tre bronzi della Febbo e l’oro nella palla della juniores Greta Merlo, che ha contribuito all’argento delle azzurre nel pre-europeo insieme a Sofia Lodi, Carmen Crescenzi, Martina Centofanti ed Emilia Zabeo. Alla fine, è stato anche assegnato il Trofeo Trinacria, finito all’Italia che ha ottenuto i migliori risultati tra senior e juniores (207,3 contro il 199,73 della Bielorussia e il 195,7 della Russia).

L’introduzione è stata toccante: dopo un minuto di silenzio dedicato alla giovane promessa Yara Gambirasio, scomparsa esattamente un anno fa, e alle vittime dell’alluvione in Sicilia, un gruppo di ginnaste catanesi si è esibito sulle note di Mani all’aria dei Tinturia. Le esibizioni di gruppi siciliani si è ripetuto con le siracusane, le palermitane e di nuovo le catanesi, tra una competizione e l’altra. Il pubblico ha seguito e incitato anche le atlete straniere, tributando però un’ovazione alle italiane, soprattutto alle juniores.

«È un trampolino di lancio molto importante per le ginnaste sia della Sicilia che delle regioni limitrofe – commenta Franco Musso, presidente della FederGinnastica Sicilia -. Ci sono state le migliori ginnaste del mondo di cinque nazioni e abbiamo cercato di creare un evento che coniugasse sport e turismo. Siamo soddisfatti dopo due tappe, ma ci aspettiamo molto anche dalla ginnastica aerobica il 3 dicembre a Palermo e dal Grand Prix del 10 dicembre a Catania». Il palcoscenico internazionale è un’occasione anche per parlare dell’attività in Sicilia: «Qui il movimento è buono e ne siamo felici – prosegue Musso –. La catanese Carlotta Ferlito e la messinese Sara Ricciardi si sono già affermate e altre due catanesi sono in odore di Nazionale».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×