Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Gesuiti, a breve sgombero definitivo
«Se ne occuperà la Provincia»

Disegni, materiali scolastici, statue e rifiuti. Tutto il contenuto dell'ex collegio dei Gesuiti verrà rimosso per far iniziare al più presto il restauro, assicurano le autorità dopo il tavolo tecnico di stamattina. Ma resta il nodo dell'ufficio competente della Provincia. Sconosciuta la sorte che toccherà al materiale raccolto

Leandro Perrotta

«La provincia si farà carico dello sgombero in tempi brevi, ma non sappiamo ancora i dettagli». Queste le parole di Vera Greco, soprintentende ai Beni culturali di Catania, al termine del tavolo tecnico sul collegio dei Gesuiti. Ma non ci sono tempi stabiliti, e non è stato definito un luogo dove stipare la mole di materiali ancora presenti all'interno dell'ex istituto d'Arte. Venti minuti scarsi, in una sala del Palazzo della Cultura, in cui la soprintendente Greco e la provincia di Catania rappresentata dal dirigente del servizio Patrimonio Ettore De Salvo hanno incontrato il presidente della commissione Cultura del consiglio comunale di Catania Manlio Messina. Tante le domande rimaste senza risposta, a cominciare dalle competenze. «Non sappiamo quale degli uffici tecnici della provincia dovrà occuparsene», risponde Di Salvo, che non ha ancora un luogo da indicare per stivare l'immensa mole di materiale scolastico. «Se conservarlo, o buttarlo, è ancora da definire. Ma ce ne occuperemo entro una settimana» assicura il dirigente provinciale.

Eppure il rimbalzo di responsabilità all'interno degli uffici provinciali, come affermato dalla soprintendenza poche settimane fa, era uno dei nodi cruciali della vicenda, alla base dei ritardi e delle polemiche tra Provincia e Regione. «L'importante è che se ne occupi la Provincia: abbiamo avuto rassicurazioni che nell'intervallo di tempo prima dell'inizio dei lavori tutto verrà completato» ribadisce Vera Greco, che appare in perfetta sintonia con quelli che, adesso, sono solo degli interlocutori.

Un clima disteso, confermato anche dalla posizione assunta sul caso della «responsabilità» dell'accesso libero, denunciato dal nostro giornale poche settimane fa. Per la Greco ormai si tratta di una «vicenda superata. Già il giorno dopo la segnalazione del vostro giornale abbiamo denunciato che si è trattato di ladri professionisti entrati da una delle finestre del primo piano, che evidentemente hanno lasciato la porta aperta». Completa riassunzione di responsabilità da parte della soprintendenza quindi, con la Greco che tiene a precisare come «i furti di rame, come dimostrato dalla recente morte di un ragazzino a Enna, sono una questione di estrema pericolosità».

«Il risultato più importante di oggi è stato quello di vedere tutti uniti attorno a un tavolo a discutere, lasciando da parte le polemiche», commenta Manlio Messina. Il presidente della commissione Cultura aggiunge però qualche dettaglio su quanto stabilito in riunione. «I materiali scolastici dovranno essere vagliati prima di decidere se conservarli o smaltirli secondo le normative su questo tipo di rifiuti». Secondo Messina chi dovrà occuparsi del vaglio del materiale è proprio il liceo artistico, l'ex istituto d'Arte che è l'unico competente per decidere i destini di anni di lavori dei suoi ex studenti. «La provincia dovrà quindi incaricarsi di contattare il liceo artistico» conclude Messina.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×