Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Processo Scirè, in aula le dichiarazioni dei testimoni
Nel 2011 concorso contestato, commissari alla sbarra

La selezione per un incarico triennale da ricercatore di Storia contemporanea, bandita dall'università di Catania, venne vinta da una candidata laureata in Architettura. Un esito che lo storico di Vittoria ha sempre avversato. Prossima udienza il 25 settembre

Marco Militello

Foto di: Marco Militello

Foto di: Marco Militello

«Mi sento io l'imputato». Seppur con educazione e con un mezzo sorriso, Giambattista Scirè segnala il proprio disagio al collegio giudicante. È in corso una delle prime udienze del processo penale che riguarda la selezione pubblica effettuata nel dicembre 2011 dall'università etnea per un incarico triennale da ricercatore in Storia contemporanea. E il fuoco di fila degli avvocati degli imputati, che lo interrogano, è difficile da gestire. Alla sbarra, con l'accusa di abuso d'ufficio in concorso, ci sono i componenti della commissione esaminatrice. Sono i professori Simone Neri Serneri, dell'università di Siena, Luigi Masella, dell'ateneo di Bari, e Alessandra Staderini, dell'università di Firenze. Scirè giunse secondo a quella selezione, per poco meno di tre punti, in favore di Melania Nucifora, ricercatrice con una laurea in Architettura. Un titolo che il Tar ha già definito «inidoneo». 

Lo storico vittoriese ha condotto una lunga battaglia in giro per i tribunali amministrativi. Adesso è il momento di «discuterne» alla terza sezione penale di piazza Verga. Dove Scirè è stato ascoltato lungamente dalla pm, dai legali degli imputati e dal collegio giudicante. «Il fatto di essere arrivato secondo al concorso - spiega in aula - mi ha spinto a effettuare un accesso agli atti. Sono rimasto molto sorpreso quando ho scoperto che il curriculum della candidata vincente non aveva niente a che fare con il concorso». E proprio i titoli di Melania Nucifora sono il punto centrale del processo. Nel 2011, la ricercatrice non aveva conseguito il dottorato di ricerca. Una circostanza che secondo gli storici Salvatore Lupo e Luciano Granozzi sarebbe inusuale. I due docenti sono stati sentiti come testimoni in virtù di alcune comunicazioni, via posta elettronica, che erano intercorse tra loro e Scirè dopo lo svolgimento della selezione. 

Un secondo punto nodale è il rapporto tra Melania Nucifora e l'imputato Simone Neri Serneri, storico di fama dell'università di Siena. I due hanno partecipato insieme a un convegno nel 2005, organizzato da un'associazione di settore di cui fanno parte entrambi. Due anni dopo un saggio di Nucifora appare in un volume curato da Neri Serneri. Dall'esame dei testimoni, compreso il maresciallo dei carabinieri che effettuò una parte delle indagini, non sono emersi al momento collegamenti diversi, per l'appunto, da appuntamenti di approfondimento, pubblicazioni e partecipazione comune ad associazioni specialistiche. 

La testimonianza di Salvatore Lupo contribuisce a definire quali siano «i confini della Storia contemporanea». Su precise richieste della giudice e della difesa, l'esperto di Storia della mafia ha espresso forti perplessità - per quanto personali - sul fatto che un'architetta, per quanto preparata, possa gestire un incarico di quella disciplina. Granozzi, invece, ricorda di non aver apprezzato la nomina di una commissione esaminatrice composta soltanto da membri «esterni», priva dunque di un rappresentante se non della facoltà che ha bandito il concorso, quantomeno dell'Ateneo catanese. «Non dobbiamo dimenticare - dichiara - in quel concorso non c'erano soltanto Nucifora e Scirè, ma anche molti altri giovani studiosi solidi e preparati». La prossima udienza si terrà il 25 settembre. Servirà ad ascoltare un altro testimone, Giuseppe Carlo Marino, docente di Storia contemporanea all'università di Palermo. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews