Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Parco Etna, sindaco Linguaglossa nel comitato esecutivo
Accordo destra-sinistra e vicepresidenza a Mastroianni

Salvatore Puglisi, vicino a Salvo Pogliese, e il sindaco di Santa Maria di Licodia, legato al Pd, vengono votati all'unanimità dai venti sindaci dell'area protetta. Ora manca solo il nuovo presidente, nomina su cui gli amministratori chiedono un confronto al governatore Nello Musumeci

Francesco Vasta

Il rinvio del voto che pareva nell'aria alla fine non c'è stato, così come si è evitato di andare alla traumatica conta fra centrodestra e centrosinistra. I venti sindaci dei comuni del parco dell'Etna si sono invece espressi all'unanimità scegliendo il primo cittadino di Linguaglossa, Salvatore Puglisi, per la carica di componente del comitato esecutivo dell'ente attualmente commissariato dopo la presidenza di Marisa Mazzaglia. Il voto degli amministratori locali sancisce il nuovo assetto dei vertici del parco, rimodulati dalla legge. Nel comitato esecutivo, una sorta di giunta che affianca il presidente, siede oggi un solo componente di nomina del consiglio dei sindaci, al contrario dei quattro del passato. Puglisi affiancherà l'ispettore ripartimentale delle foreste di Catania, Giovanni Gubernale, e il commissario Gabriele Ragusa, in attesa della scelta del successore di Mazzaglia che spetta al governatore Nello Musumeci

Nel ragionamento dei sindaci è entrata anche la vicepresidenza del parco, andata al riconfermato Salvatore Mastroianni, sindaco di Santa Maria di Licodia e uomo del deputato regionale del Pd Anthony Barbagallo. Proprio il fronte dem avrebbe avuto i numeri per imporre un proprio nome in entrambe le votazioni: sono almeno i 12 i sindaci che più o meno direttamente guardano al centrosinistra. Sa va dai neoeletti sindaci di AdranoPiedimonte EtneoViagrandeSant'Alfio a quelli di BronteCastiglione, Milo, Pedara, Ragalna, Mascali e appunto Santa Maria di Licodia, fino alla non belligeranza verso il Pd di Giarre e Zafferana, mentre il comune di Trecastagni è stato da poco commissariato. Ma scalpitava per essere ben rappresentato anche il centrodestra, rafforzato dai risultati delle ultime Amministrative: a MalettoBelpassoBiancavillaRandazzo, come già nel 2017 era accaduto a Nicolosiappunto a Linguaglossa, hanno vinto sindaci espressione di Forza Italia e alleati. Gruppo capitanato dal sindaco di Catania Pogliese che, essendo anche sindaco metropolitano, siede altresì nel consiglio dei sindaci. 

Una poltrona di là e una di qua sono servite allora a ricomporre il puzzle. Mastroianni viene votato all'unanimità come come Puglisi, sindaco legato a Pogliese ma con buone interlocuzioni proprio con Anthony Barbagallo che hanno facilitato la convergenza dei sindaci dem. Anche l'appartenenza al versante nord dell'Etna ha giocato a favore del primo cittadino di Linguaglossa, cui ha spianato la strada, durante le trattative, l'endorsement del sindaco di Piedimonte Ignazio Puglisi, altro candidato potenziale. A destra si registrava invece l’attivismo dei sindaci di Maletto e Randazzo, Pippo De Luca e Francesco Sgroi. Si da spazio a un'area che reclama maggiore peso politico lanciando anche il messaggio, questo l'umore dei sindaci, di un nuovo corso che inizia su «basi di collaborazione». 

Per chiudere il cerchio, adesso, serve il nuovo presidente del parco dell'Etna. Le indiscrezioni vanno dall'ex sindaco di Belpasso Carlo Caputo, uomo di Diventerà bellissima, il movimento del presidente Musumeci, all'ipotesi di una figura non politica, prelevata dalle istituzioni ma sempre di diretto gradimento del governatore. L'assemblea dei sindaci intanto, su proposta di De Luca, si è espressa per chiedere proprio a Musumeci un faccia a faccia che preceda la nomina definitiva. Un modo per coinvolgere il territorio, spiegano gli amministratori, ed evitare le scelte «calate dall'alto» del passato. Un'idea analoga già nei mesi scorsi era stata avanzata dai sindaci Puglisi e Mastroianni. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.