Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Storia degli Orsi e dei loro amanti Cacciatori
Il lato maschio dell'omosessualità siciliana

Sono corpulenti e barbuti, con un aspetto rude e mascolino. E sono gay. Si tratta degli Orsi Siculi, community ursina online – l'unica dell'isola - attiva da dieci anni tra codici di riconoscimento, chat e serate a tema. Un modo per uscire allo scoperto e accettarsi. Nonostante le fashion victim

Perla Maria Gubernale

Il maschio gay? Una figura efebica: snella, liscia e dall'aspetto effeminato. Uno stereotipo in voga non solo tra gli etero. Un'incrollabile certezza per chi non ha mai sentito parlare della comunità ursina. Ne fanno parte gli Orsi, omosessuali dall'aspetto molto mascolino. Barbuti, corpulenti e pelosi. Numerosi e apprezzati negli Stati Uniti e in Germania, dall'inizio degli anni '90 hanno preso sempre più piede anche nel nostro Paese. Grazie all'idea di un gruppo di ragazzi siciliani, la comunità si è fortemente affermata anche in Sicilia, dove, nel 2002, sono nati gli Orsi Siculi, ad oggi l'unica community gay ursina isolana e tra le più famose in Italia. Ta i loro successi un sito internet supercliccato, una chat privata con oltre 800 iscritti e quasi dieci anni alle spalle di eventi e serate a tema organizzati in giro per la Trinacria.

Da dove sia nata l'esigenza di dar vita ad una comunità così specifica lo spiegano gli stessi Orsi sulla loro pagina online: «Uno dei maggiori paradossi siciliani è, neanche a dirlo, quello secondo il quale l'uomo irsuto ma, ahimé, finocchio altrove osannato stenti a trovare legittimazione nel paesaggio omosessuale isolano». Altri tempi, in cui «essere robusti o affermare di cercare persone in carne equivaleva a scatenare le reazioni più indignate fino al punto di venire additati come pervertiti e come amanti del gusto per l'orrido». Da qui il bisogno di identificarsi e sentirsi accettati, per vivere meglio la propria omosessualità.

«L'idea nasce da un gruppo di amici che iniziano a vedersi e a condividere le stesse passioni, ovvero l'interesse per gli uomini orsi – racconta il palermitano Mauro, membro e co-fondatore della comunità ursina siciliana -. Prendendo spunto da altre realtà, abbiamo creato un guppo nelle vecchie chat IRC e nel 2003 abbiamo organizzato la prima festa ursina a Palermo». Un successo, tanto che da quel momento in poi la comunità inizia a crescere. Una necessità anche per combattere la disinformazione sull'argomento, presente fino a dieci anni fa. «Tra gli omosessuali non c'era la consapevolezza che ci fossero dei gay maschi – continua Mauro -. Un'alternativa alla checca che ci mostrano i media. Molti di noi infatti esteriormente non sembrano assolutamente gay, eppure lo sono, anche se molto maschili».

Per evitare confusione e riconoscersi tra loro, gli Orsi seguono delle linee guida ben precise. E' il Bear Code - o Bear Category - utilizzato sopratutto negli Stati Uniti: un'equazione basata sulle caratteristiche fisiche, quali fur (la pelliccia), weight (il peso), cub (l'atteggiamento, più o meno tenero, ad esempio se si è «in cerca di papà»), endowement (che riguarda le dimensioni di «quella cosa curiosa che hai tra le gambe»). Ma soprattutto la barba. Le categorie si riferiscono invece alla tipologia ursina. Si può essere un «Orso, mascolino e peloso, oppure un Chubby, cicciottello e senza peli, o un Teddy Bear, per i più giovani – spiega Mauro -. Ma la distinzione più importante è tra Orsi, che sono i grassi, e i Cacciatori, che sono i magri attratti dall'uomo orso. Io, ad esempio, sono un cacciatore».

Gli Orsi sono anche «solitari e non convivono bene con gli altri omosessuali». Soprattutto con le fashion victim, definizione che danno dei gay dall'atteggiamento effeminato. «Io un tronista non lo toccherei nemmeno con un dito», sottolinea Mauro. Meglio un uomo più cicciottello e magari con un bel viso. Strano è poi il rapporto con gli etero. «Nel mio caso ho visto persino un po' di paura. Perché magari io ho un aspetto più mascolino di loro che si fanno la ceretta e si depilano le sopracciglia», se la ride il Cacciatore.

Un mondo un po' chiuso quello degli Orsi, ma che nella comunità ursina siciliana ha trovato la sua dimensione, dove incontrare «chi li apprezza e li desidera, imparando ad accettarsi così come sono». Ma com'è essere gay oggi in Sicilia? «Rispetto a dieci anni fa c'è più apertura, anche grazie alle chat – ammette Mauro -. Sicuramente in Sicilia è più difficile, ma l'ambiente sta cambiando, soprattutto a Palermo e Catania». Ed è proprio per incentivare il cambiamento che gli Orsi siculi hanno deciso di aprire i loro eventi – circa quattro all'anno – anche agli etero. Scelta spesso criticata dalla stessa comunità ursina. «Per noi però è importante perché, se non convivi con gli etero, non potrai mai pensare di essere accettato per quello che sei – conclude Mauro -. Per capirti e conoscerti devono vivere la tua vita».

[Foto di di ? KawaiiCloud ?

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×