Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Protestano le cooperative sociali
«Non prendiamo lo stipendio da sette mesi»

Non vengono pagati da maggio, ma continuano a svolgere il loro ruolo di assistenza ad anziani, bambini e disabili. Sono le coopertaive sociali catanesi. Il comune di Catania è inadempiente, ma in buona compagnia. Senza stipendi a manifestare a anche la coop Oda della chiesa cattolica

Desirée Miranda

Sono spesso piene di manifestanti le piazze catanesi. E ieri è stato - di nuovo - il turno dei lavoratori, soprattutto donne, delle cooperative sociali. «Non prendiamo lo stipendio da sette mesi e la storia si ripete da anni» affermano le lavoratrici arrabbiate. Sono quelle che si occupano dei servizi di assistenza domestica agli anziani, di assistenza ai minori, sia quelli a rischio che i piccolissimi dell’asilo nido, o anche delle pulizie nelle scuole. Elisan, Multiservice 90, Città del sole e Idee nuove le coop rappresentate, ma la situazione è uguale per tutti, anche per le associazioni che non hanno manifestato. « Molte colleghe hanno paura di perdere il lavoro» spiega Rita D'Amico della cooperativa Idee Nuove. Lei però - nonostante il suo sia l’unico stipendio in famiglia, come molti altri, d’altra parte - non ha paura. «Combatto per i miei diritti e per quelli dei miei figli. Chiedo solo ciò che mi spetta per il mio lavoro» .

È il Comune che sovvenziona i servizi pagando le cooperative, ma i soldi non arrivano e a farne le spese sono i lavoratori che comunque continuano a svolgere il loro lavoro. «Ne siamo orgogliosi» afferma una di loro. Niente stipendio significa non poter affrontare le spese di gestione della famiglia ed è così che - per colpa di altri - questi lavoratori sono inadempienti. «La Serit ci perseguita, ma anche volendo pagare subito non possiamo, così siamo costretti a pagare anche gli interessi, ma questi a noi, per i nostri stipendi, non ce li danno» dichiara arrabbiata una delle manifestanti. È per questo che hanno chiesto provocatoriamente al sindaco Raffaele Stancanelli e alla sua giunta di rinunciare a una mensilità del loro stipendio per darlo a loro. «Consegneremo al sindaco una richiesta ufficiale» promettono.

[youtube

&feature=youtu.be[/youtube]

In piazza, a sostegno delle lavoratrici sociali anche i segretari provinciali dei Comunisti italiani-FdS e di Rifondazione comunista-Fds, Salvatore La Rosa e Pierpaolo Montalto. «Tale situazione è il frutto di una amministrazione incapace che mette a rischio servizi indispensabili che piuttosto andrebbero aumentati e la vita di tante famiglie ai quali manca lo stipendio per vivere» dichiara Montalto. E dimostrazione del fatto che la situazione a Catania non sia tranquilla ce ne sono di continuo. Sempre ieri, in piazza a manifestare anche i lavoratori della cooperativa sociale Oda, opera diocesana assistenza. Hanno organizzato un sit-in in piazza Duomo, proprio davanti la cattedrale, loro che sono legati al mondo ecclesiastico. Sono un po’ più fortunati rispetto ad altri, a loro lo stipendio manca solo da due mesi. «Non abbiamo nessuna certezza del nostro futuro e la mancanza degli stipendi è talmente datata che ormai non ce lo comunicano più il ritardo. È standard. Inoltre l’azienda ha un problema di conto in rosso di circa 50 milioni di euro e non riusciamo mai a parlare con la dirigenza nonostante le sollecitazioni» lamentano.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×