Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Si rifiuta di entrare nella serra a 50 gradi: licenziato
La denuncia di un lavoratore agricolo di Mazzarrone

Non è voluto rientrare nel tunnel di viti dove stava raccogliendo l'uva, perché a quell'ora faceva troppo caldo. Con le temperature di questi giorni, sotto ai teloni di plastica era impossibile rimanere. Il datore di lavoro lo ha mandato a casa

Luisa Santangelo

Le ore più calde della giornata dentro a una serra non hanno bisogno di descrizioni. Sono un incubo a cottura lenta, oltre che una condizione di lavoro intollerabile. Lo sa bene il bracciante agricolo di Mazzarrone, in provincia di Catania, che la scorsa settimana non ce l'ha fatta più e lo ha detto al titolare dell'azienda di Gela per la quale raccoglieva l'uva: «Lì dentro non si può lavorare». Una protesta che era stata preceduta da altre manifestazioni di scontento, nei giorni precedenti, per le quali aveva ricevuto sempre la stessa risposta: «Se non ti piace, sei licenziato». Pochi giorni fa, il licenziamento si è verificato sul serio. «Erano le ore tarde della mattinata, dentro alla sera ci saranno stati almeno cinquanta gradi percepiti - racconta a MeridioNews  Nino Marino, segretario generale della Uila Sicilia, il sindacato che ha raccolto la denuncia del lavoratore - Lui ha detto che non voleva rientrare nel tunnel (dalla forma della sera per la viticoltura, ndr) ed è stato mandato a casa».

Il bracciante, assunto con un contratto di settore e pagato circa 45 euro al giorno, così si è trovato disoccupato. «Eppure ha soltanto chiesto che venisse rispettato il suo diritto a lavorare in un posto sicuro - continua Marino - Le imprese dovrebbero avere un responsabile della sicurezza che garantisca condizioni di lavoro che non mettano in pericolo gli operai, ma troppo spesso non è così». Se il lavoro da bracciante è certamente gravoso in qualunque periodo dell'anno, d'estate in Sicilia lo è molto di più. Per via delle temperature altissime alle quali si arriva durante il giorno e che, in un ambiente artificiale come quello delle serre, diventa intollerabile. «Bisognerebbe lavorare nelle prime ore della mattinata, dall'alba - aggiunge il sindacalista - Oppure dopo il tramonto, in modo da non sottoporre il bracciante a una inutile vessazione».

Il cittadino di Mazzarone già nei giorni scorsi si è rivolto all'ispettorato del Lavoro, a cui ha raccontato il fatto in una denuncia formale. «Il suo caso, però, non è isolato». Perché il caporalato «è uno dei problemi del comparto agricolo, ma non è l'unico - precisa il segretario generale della Uila - Non vengono rispettati orari e contratti, né le condizioni minime di sicurezza». Perché è vero che il bracciante del Calatino, in servizio a Gela, era in regola, «ma è vero anche che spesso chi fa questo genere di lavoro si trova trattato non da dipendente. Come se il datore di lavoro fosse, in realtà, un padrone». E il bracciante uno schiavo. Pagato, anche se sotto contratto, il minimo indispensabile: poco meno di sei euro l'ora.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×