Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

San Giorgio, vent'anni senza strada
Tra pericolo di frane e abusivismo

Dal 1991 le quindici famiglie del viale Biagio Pecorino 14, estrema periferia di Librino, attendono il completamento della strada di accesso al proprio palazzo. Motivo? La collina sotto cui sorge la cooperativa minaccia di franare. «Il dissesto geologico della zona è stato acclarato da una relazione della protezione civile» scrivono gli abitanti in una petizione rivolta alle autorità cittadine

Leandro Perrotta

«Qui una volta era tutta campagna». E non è difficile crederlo arrivando al viale Biagio Pecorino, ultimo scampolo di città prima della piana di Catania. L'estrema periferia di Librino, chilometri e chilometri di verde, con alle spalle le colline di creta di San Giorgio. Sotto ci stanno loro, le quindici famiglie della cooperativa Monital, al civico 14 che, da quando è stato costruito il palazzo, venti anni fa, tra la sabbia e la creta devono passarci a piedi ogni mattina per entrare in casa.

«Il Comune e la Sta progetti dal 1991 non hanno mai completato la strada, che però è prevista nel piano di zona», spiega Giuseppe Stanzù, un residente, che mostra un foglio di progetto risalente al 1987 del lotto DE/98, ovvero la zona interessata. Il nome del progettista è quello di Francesco Lo Giudice, l'ingegnere del piano di zona Librino e titolare della Sta progetti, che a fine anni '70 è stata incaricata di eseguire l'immenso piano di costruzione del quartiere, come variante al piano regolatore generale del 1964. I riferimenti al piano di zona sono presentati in una petizione, firmata da tutti i residenti e indirizzata alle istituzioni locali, per sollecitarle a prendere provvedimenti. «Il rischio idrogeologico nell'area è stato acclarato da una relazione del servizio protezione civile ed è stata fatta richiesta di intervento» si legge nel documento, che denuncia anche «la presenza di un asilo nido in via del Nespolo, a ridosso della scarpata».

[youtube

«Abbiamo chiesto spiegazioni alla Sta progetti e al Comune negli anni, ma ci è sempre stato risposto che, se alla collina non viene applicato un muro di contenimento, non si può fare la strada», lamentano gli inquilini della cooperativa Monital. «Lo vede quel muro di contenimento? Ce lo ha imposto il genio civile, a spese nostre, sennò non ci avrebbero fatto costruire il palazzo - continua Stanzù - Oggi invece dall'altra parte della collina, di responsabilità del Comune, può cadere di tutto, forse anche le case che stanno sopra, costruite senza criterio».

A San Giorgio infatti, riferisce la presidentessa della nona municipalità Loredana Gioia - sollecitata dai cittadini ad occuparsi del caso - «molte abitazioni sono nate abusivamente, spesso senza allaccio fognario, su di un terreno argilloso. Negli anni sono state sanate - continua - , ma il dissesto idrogeologico della zona è evidente, soprattutto dal lato del torrente Acqua Santa. Anche se se ne parla poco». Il torrente Acqua Santa straripa sempre più spesso, come sanno gli abitanti del quartiere Fossa Creta, portandosi dietro detriti e liquami. E, ironia della sorte, «l'asilo nido di via del Nespolo è l'unico attivo in tutta la municipalità, per un totale di circa 50 posti».

Resta una domanda: perché dopo venti anni gli abitanti di viale Biagio Pecorino 14 protestano solo oggi con una petizione? «Con tutti gli episodi di dissesto idrogeologico degli ultimi tempi ci siamo allarmati, ogni tanto cadono dei massi - spiega Stanzù - E poi quando eravamo giovani era diverso, ma oggi ci sono quattro persone invalide nel palazzo, e farsi un piano di scale a piedi entrando dal garage è diventato un vero problema. Sono sicuro che nei palazzi accanto la situazione è ugualmente grave».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×