Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Picanello, paga il pizzo ai Santapaola dal '99
Tre persone taglieggiavano una ferramenta

Il suo negozio è aperto da 10 anni. E da sempre l'imprenditore ha versato una quota mensile ai suoi estorsori: prima 400mila lire, poi 210 euro. Gli investigatori il 20 luglio hanno bloccato in flagranza uno dei presunti riscossori. Guarda foto e video

Redazione

Da quando aveva aperto la sua impresa, nel 1999, sarebbe stato costretto a pagare il pizzo al gruppo di Picanello della famiglia Santapaola-Ercolano. È questa la storia che c'è dietro all'arresto effettuato la mattina del 20 luglio dalla polizia di Catania. In manette è finito Francesco Sansone, classe 1950, pregiudicato, preso in flagranza durante l'estorsione all'esercizio commerciale della vittima: un negozio di ferramenta nella zona di Ognina-Picanello. L'accusa per Sansone è di estorsione aggravata dall'appartenenza alla mafia. Sempre il 20 luglio sono poi stati sottoposti a fermo anche Giovanni Frazzetta (classe 1968, pregiudicato) e Armando Pulvirenti (classe 1955, pregiudicato), entrambi sospettati, in corcorso, di estorsione aggravata.

In base alla ricostruzione degli inquirenti, il titolare della ferramenta avrebbe cominciato a pagare 19 anni fa. Prima 400mila lire, poi 210 euro al mese. Nel corso degli anni, Sansone, Frazzetta e Pulvirenti si sarebbero avvicendati nella gestione del pizzo. Frazzetta, definito «elemento di rango apicale», era stato arrestato a ottobre 2007: in quella circostanza il suo ruolo di riscossore del racket delle estorsioni si sarebbe concretizzato nell'incassare i soldi versati mensilmente dal titolare di un autosalone.

Giovanni Frazzetta

Armando Pulvirenti

Francesco Sansone

Gli investigatori hanno monitorato l'ennesimo pagamento di denaro da parte del ferramenta, avvenuto proprio il 20 luglio: Sansone è stato bloccato fuori dall'esercizio commerciale con 210 euro in contanti, cioè il denaro che gli era appena stato consegnato dalla vittima. Lunedì il giudice per le indagini preliminari ha disposto la custodia cautelare in carcere nei confronti di Sansone e Pulvirenti.

(Fonte: Ufficio stampa questura di Catania)

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×