Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Duplice omicidio a Licodia Eubea
Arrestato ad Acate il giovane assassino

Loris Gagliano, 24 anni, ha ucciso a coltellate l'ex fidanzata Stefania Noce – sua coetanea – e il nonno di lei, Paolo Miano. Ferita anche la nonna della ragazza. Gagliano è stato fermato mentre era fermo con la sua Ford Ka a bordo della strada. Nell'auto, il coltello che avrebbe usato per l'aggressione. A scatenare la violenza dell'omicida, la fine della relazione tra i due

Luisa Santangelo

Una ragazza di 24 anniStefania Noce, e il nonno di 71 anni, Paolo Miano, sono stati uccisi alle 11 di questa mattina a Licodia Eubea, in provincia di Catania. A compiere l'omicidio, Loris Gagliano, ex fidanzato della ragazza, arrestato al lungomare di Acate, in provincia di Ragusa. Da questa mattina era ricercato dai carabinieri della compagnia di Caltagirone. Gagliano era fermo a bordo della strada con la sua Ford Ka, quando i militari della stazione della zona lo hanno trovato e arrestato, in evidente stato confusionale, con gli abiti ancora sporchi di sangue. Nella sua auto è stato rinvenuto il coltello che avrebbe usato per uccidere i due. «L'autovettura è adesso sottoposta ai controlli della scientifica, mentre il ragazzo si trova alla stazione di Acate, in attesa di essere trasferito in carcere», dichiara il colonnello Salvo Gagliano, del comando provinciale di Ragusa. A occuparsi del versante giudiziario del caso, i procuratori Monica Monego, della procura ragusana, e Giulia Troina, di quella calatina. Saranno loro a decidere se trasferire Loris Gagliano al penitenziario di Ragusa o in un'altra casa circondariale, e a convalidare oppure no il fermo entro 48 ore.

Nel frattempo, a Licodia Eubea sono in corso gli accertamenti per stabilire il numero di coltellate inflitte alle due vittime – l'autopsia è fissata per domani – e sono iniziati gli interrogatori per chiarire la dinamica dell'accaduto. Le prime ricostruzioni dicono che il giovane – originario di Caltagirone, studente alla facoltà di Psicologia dell'università La Sapienza di Roma – ha accoltellato l'ex compagna e suo nonno nel corso di una lite nella casa in cui Stefania viveva con la madre e i genitori di lei. Ferita al torace anche Gaetana Ballirò, 71 anni, nonna della ragazza, ricoverata all'ospedale di Caltagirone ma non in pericolo di vita. Alla base dei contrasti tra i due giovani, la decisione della ragazza di terminare la loro relazione, che andava avanti da oltre due anni. Stefania Noce era una studentessa di Lettere moderne della facoltà di Lettere e filosofia di Catania. Era nata nel Ragusano, ma si era trasferita nel capoluogo etneo per proseguire gli studi universitari.

Intanto, sulla sua pagina Facebook si rincorrono messaggi di cordoglio. Colleghi dell'università e conoscenti, soprattutto. «Non si può spegnere così una vita», scrive qualcuno; «Senza parole», fa eco qualcun altro. «Sono atterrito, era dolcissima ed è stata uccisa in modo così violento», dichiara Arturo Mannino, del Movimento studentesco catanese, al quale la ragazza aveva aderito. Anche dai docenti di Lettere arriva un ricordo: «Un saluto commosso a nome della tua facoltà. Avrei voluto conoscerti e apprezzarti», interviene Antonio Di Grado, professore di Letteratura italiana. Ma il commento più apprezzato, sul web, è quello di Annalisa Silingardi, che sul suo blog descrive Stefania Noce come «la ragazza dalla pelle bianca, timidamente sorridente, attenta e generosa, troppo innamorata per capire che al tuo fianco per tante notti aveva dormito un mostro».

«Ciò che non si può dire in poche parole, non si può dire neanche in molte», aveva scritto ieri notte Stefania, proprio sulla bacheca del popolare social network. Online si descriveva con una frase di Alda Merini: «Non sono e non sarò mai una donna addomesticabile».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.