Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Lasciati fuori dal bus perché erano di colore»
Polemiche e denunce alla stazione di Catania

Quattro persone, tre donne e un uomo, hanno tentato di partire per Taormina con un autobus Interbus. Nonostante fossero munite di biglietto, però, alle tre sono state chiuse in faccia le porte del mezzo. Che è ripartito lasciandole a terra

Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

L'autobus Interbus delle 9 da Catania per Taormina sta per partire. Nel piazzale si presenta un gruppo di quattro persone, tre donne e un uomo, tutti di colore. Le donne restano a terra, l'uomo va all'ufficio ticket e compra quattro biglietti. Le tre, nel frattempo, chiedono all'autista di potere salire. «Dovete aspettare i biglietti», risponde lui. Quando il ragazzo arriva, coi suoi quattro biglietti in mano, sale sul mezzo e li mostra all'autista. Le donne provano a caricare i bagagli, ma il portellone viene chiuso, così come viene chiusa la porta del bus. Il ragazzo resta dentro, le tre sulla strada. Interviene un neo-assunto dell'Interbus, al suo secondo giorno di lavoro, batte con le mani sul finestrino dell'autista, gli dice di aprire, perché mancano ancora tre passeggere. L'autista non lo ascolta e parte alla volta di Taormina. È questo il racconto che i testimoni fanno di quanto avvenuto questa mattina al terminal per i mezzi su ruote della stazione di Catania. Una storia in cui adesso sono coinvolte anche le forze dell'ordine: la polizia è stata chiamata dalle donne, aiutate da alcune persone che, in attesa di partire, hanno osservato tutta la scena.

«Sono rimasta allibita», dichiara a MeridioNews Franca Scardilli, una delle testimoni oculari della vicenda. «Ho dato i miei contatti, ho detto che sono disposta a raccontare alle forze dell'ordine tutto quello che ho visto - continua - Non so se l'autobus fosse pieno oppure no, ma ho visto come sono state chiuse le porte in faccia a queste ragazze, solo perché erano di colore». A rincarare la dose è Giovanni Lucisano, vigilantes da quattro anni impiegato nella sorveglianza dello spiazzale per una ditta privata: «L'autobus non era pieno, l'ho visto coi miei occhi - racconta - I posti c'erano, e il ragazzo urlava all'autista di fare salire le altre donne che erano con lui. Ma quello non ci voleva sentire, è partito nonostante tutto». E nonostante il suo giovane collega dell'Interbus gli avesse chiesto di fermarsi.

«È il mio secondo giorno di lavoro», dice il controllore della ditta di trasporti. È giovanissimo e visibilmente nervoso. È già stato raggiunto dalla polizia, a cui ha raccontato quello che ha visto, e adesso non è di molte parole. «L'autobus non mi sembrava pieno - conferma - Ma soprattutto il conducente è ripartito anche se, attorno, tutti protestavano, compreso io. Gli avevo detto di fermarsi». Quando il veicolo riparte, è da lui che vanno tutti a lamentarsi. «Io, però, che potevo dire?». In biglietteria, dove le donne vanno a protestare, dicono di non avere visto la scena e, di conseguenza, di non potere dire nulla. Sanno che c'è stato «un po' di movimento», ma di più non hanno idea. 

Domani sera, intanto, il gruppo di cittadini stranieri dovrebbe tornare nello spiazzale. «Ho detto loro che li aiuto come posso - continua il vigilantes - Ho preso i contatti di una testimone oculare (la stessa contattata da MeridioNews, ndr) e proverò a essere utile. Non è giusto che accadano certe cose, soprattutto con chi è nero. Tante volte arrivano, comprano il biglietto e gli viene vietato di portare sull'autobus le sacche con le cose che poi vanno a vendere in spiaggia». «Speriamo che questa storia abbia un po' di risonanza - conclude Franca Scardilli - In questo momento storico, bisogna raccontare le ingiustizie. E intervenire finché si può».

Leggi qui la replica dell'azienda

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×