Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Fava, rubati alla lapide i fiori e la corona
«Vergogna. Non meritate di essere catanesi»

Non è la prima volta che succede. Uno o due giorni dopo la commemorazione del giornalista ucciso dalla mafia il 5 gennaio 1984 degli omaggi floreali non c'è più traccia. Persino quelli posti in alto, a cui per arrivare serve almeno uno sgabello. La figlia Elena: «Stavolta non ne ho potuto più. Una parte di questa città, la peggiore, non è con noi. Ma gli altri hanno voglia di cambiare»

Claudia Campese

«Vergognatevi. Non meritare di appartenere a questa città». Solo poche parole. Le uniche che Elena Fava vorrebbe rivolgere a quanti da anni «oltraggiano la figura di mio padre - dice amara ma ferma - Che poi non è solo mio padre, un giornalista o la prima vittima di mafia di Catania. E' una storia che appartiene a tutti». Se la prende con un «gesto vigliacco» la figlia di Giuseppe Fava, il giornalista di Palazzolo Acreide ucciso dalla mafia nel capoluogo etneo il 5 gennaio del 1984. Ignoti hanno infatti rubato la corona e i fiori deposti due giorni fa, durante la commemorazione, davanti alla lapide posta nel punto della morte di Fava, nell'omonima via, davanti al teatro Stabile.

Il 5 gennaio una piccola folla si è riunita lì davanti. L'indomani, i fiori non c'erano più. E non è nemmeno il primo anno in cui succede. «Solo che stavolta non ne ho potuto più - spiega Elena Fava - E' il segno che una parte di questa città, la peggiore, non è con noi». E' esasperata, ma non solo per se stessa. «A Catania c'è gente che ha voglia di cambiare. Ci sono quelli che il 5 gennaio erano con noi davanti alla lapide - continua - C'è persino chi è venuto da fuori. Lo faccio anche per loro».

Chi sia stato non si sa. Ignoti, ma dotati di una scala. O quanto meno di uno sgabello. Perché a sparire è stato anche il mazzolino di fiori posto in alto e agganciato a un chiodo della lapide. «E' quello che ci offende di più - spiega Resì Ciancio, della fondazione Fava - Perché, se si fossero portati via solo la corona, avrei anche potuto capirlo. C'è crisi e magari il Comune voleva riutilizzarla», dice ironica. Perché quello dei fiori scomparsi non è l'unico mistero che accompagna la commemorazione del 5 gennaio. C'è anche il particolare della corona offerta dall'amministrazione comunale e deposta sempre da impiegati fantasmi. La si trova lì, nel pomeriggio della commemorazione, e non si sa mai chi ce l'abbia messa. Perché, durante il ricordo - a parte una visita dell'allora sindaco Enzo Bianco - dal Comune non si è mai fatto vedere nessuno. «Mi sono sempre chiesta perché, se decidono di fare un gesto, non lo fanno fino in fondo», commenta Elena Fava.

Una timidezza da parte del Comune che spiega come mai quest'anno sia stata accolta come un evento la presenza di un altro rappresentante delle istituzioni: il nuovo procuratore capo etneo Giovanni Salvi. Un piccolo gesto di cambiamento, «uno di quelli che mi hanno fatto pensare che questa offesa andava denunciata», spiega la figlia del giornalista. Che ha già in mente due idee. Una lettera al sindaco, magari con un invito per il prossimo 5 gennaio. E una nuova visita alla lapide, domani mattina alle dieci: «Con il mio sgabellino, per mettere un nuovo mazzo di fiori in cima. Vediamo stavolta quanto dura».

 

[Foto di Anpi Catania]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×