Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Divieto di mafia, a Catania costa caro
«È segnaletica non conforme»

Lo street artist Antonio Anc ci riprova: «Divieto di mafia» e «Divieto di omertà» recitano i cartelli stradali di cartone piazzati sui pali vuoti delle principali strade del centro. Ma la polizia municipale non è d'accordo: «Quello che c'è scritto non mi interessa», afferma un vigile. E stacca una multa da 398 euro

Luisa Santangelo

[youtube

Dovevano essere 22 cartelli di «divieto di mafia» e «divieto di omertà» distribuiti in giro per la città. Lui, Antonio Anc, lo street artist etneo che da almeno un anno riempie Catania con le sue creazioni, li aveva pensati per via Etnea, via di Sangiuliano e piazza teatro Massimo. Uguali alla normale segnaletica stradale, ma con un messaggio diverso. Per questo, di prima mattina, la polizia municipale ha fatto rimuovere i primi nove dai pali vuoti sui quali erano stati piazzati. L'effrazione al codice della strada è «fabbricazione e impiego di segnaletica non conforme», perché i cartelli di cartone montati dall'artista e dal suo gruppo – ci sono anche Emanuele Poki e Davide Pax – confonderebbero gli automobilisti. «Quando uno passa per la strada non è che legge la parola mafia, si ferma al segnale di divieto e si confonde», sostiene il vigile urbano che, blocchetto degli appunti alla mano, prende le generalità dei ragazzi.

La gente per la strada, intanto, si ferma e osserva. «Complimenti», dice un ragazzo. «Lasciateli stare, mandano un bel messaggio», afferma un passante. «Volete dire che la mafia non esiste? – prosegue – Esiste ed è vietata. Il cartello è giusto, ne dovrebbero mettere di più». «Ma tutti possono fare quello che vogliono? – gli risponde il vigile – È il mio lavoro, quello che c'è scritto non mi interessa».

«Non sto facendo niente di male – si difende Anc – perché i pali sono vuoti e i miei cartelli di cartone niente di permanente che non si possa rimuovere in pochi minuti». «E rimuoveteli», minaccia il vigile. E stacca una multa da 398 euro. La sanzione minima prevista dal codice. «La pago, che posso fare?», afferma sconsolato Anc. «Siamo in una democrazia – ride Davide Pax – ma è possibile che non siamo liberi di usare le nostre strade neanche per metterci dei pezzi di carta?». «Bisognava chiedere il permesso all'amministrazione comunale», conclude la polizia municipale.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×