Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Finti postini per intercettare cocaina
Gdf sequestra droga per 76mila euro

Due operazioni antidroga a Catania hanno portato al sequestro di 760 grammi tra cocaina ed eroina. Essenziali, per gli agenti della Guardia di finanza, un travestimento e un cane dell'unità cinofila. La piazza prevista per lo spaccio era quella del capoluogo etneo, in cui la droga non transita bensì approda

Luisa Santangelo

A Catania succede che i finanzieri si travestano da postini per intercettare una partita di droga. Peraltro, spedita in una maniera che nel profondo Sud non t'aspetti: carta impregnata di cocaina. Una risma di documenti, indirizzati a una donna che è risultata essere estranea ai fatti, nascondeva tra le sue fibre circa 700 grammi di sostanze stupefacenti. «Il primo sequestro di questo genere in città», afferma Antonino De Fecondo, colonnello della Guardia di finanza etnea. A finire in manette nei giorni scorsi Giuseppe Miraglia, 41 anni, che col pacco in questione sembrava non avere nulla a che fare. Ma i pedinamenti avevano reso chiara alle fiamme gialle la colpevolezza dell'uomo. Così gli agenti si sono finti impiegati di uno spedizioniere, hanno aspettato che Miraglia si presentasse per ritirare il plico e lo hanno arrestato.

Di eroina si trattava invece all'aeroporto Vincenzo Bellini, sempre nei giorni scorsi, quando da un volo nazionale è sceso un passeggero che aveva ingerito due ovuli di droga, per un peso complessivo di 60 grammi. Fermato all'arrivo da Zaro, un cane dell'unità cinofila, l'uomo – una trentina d'anni – è stato portato prima all'ospedale Vittorio Emanuele per le radiografie e l'eliminazione delle capsule di eroina purissima, poi al carcere di piazza Lanza. In media, quattro volte l'anno la droga arriva a Catania con questo metodo, «ed è così da vent'anni», spiega ancora De Fecondo.

Il mercato di destinazione di entrambe le partite, secondo gli inquirenti, è quello locale. Il capoluogo etneo non è una città di transito, ma di approdo. Alla media di 100 euro al grammo, la merce sequestrata ha il valore totale di 76mila euro. Che sarebbero stati assorbiti dallo spaccio ai piedi dell'Etna.

 

[Foto di ·Larme·]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×