Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Usura ed estorsione con metodo mafioso, due arresti
Minacce a vittima: «Ti finisci mali e ti tagghiu a testa»

Nunzio Biagio Barbera e Salvatore Di Venuto sono entrambi ritenuti responsabili dei reati in concorso. Le indagini sono state avviate dopo la denuncia sporta dall'imprenditore vittima di interessi usurai compresi fra il 20 e il 50 per cento mensili

Marta Silvestre

«Ti finisci mali e ti tagghiu a testa». È una delle minacce di morte che avrebbero rivolto Nunzio Biagio Barbera e Salvatore Di Venuto a un imprenditore etneo operante nel settore immobiliare, vittima delle loro estorsioni. Nel pomeriggio del 9 agosto, la polizia ha arrestato Barbera (classe 1942) colto in flagranza di reato di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Nella stessa serata, il pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia di Catania ha emesso un decreto di fermo nei confronti di Di Venuto (classe 1965). Il pregiudicato 53enne, inteso u ghiacciaru, è infatti gravemente indiziato del reato di usura ed estorsione aggravata dalla modalità mafiosa in concorso con Barbera. 

Le indagini, delegate alla squadra mobile, sono state avviate a seguito della denuncia sporta dall'imprenditore che ha dichiarato di essere vittima di usura da parte di un soggetto chiamato Salvo, poi identificato in Salvatore Di Venuto, che si sarebbe presentato come esponente della cosca mafiosa Santapaola-Ercolano. L'imprenditore ha raccontato alle forze dell'ordine che Di Venuto gli avrebbe concesso in prestito diverse somme di denaro in cambio delle quali si sarebbe fatto promettere e consegnare interessi usurai compresi fra il 20 e il 50 per cento mensili

A riprova di quanto denunciato dall'imprenditore, la sezione reati contro il patrimonio della squadra antiracket ha accertato che a fronte dei soldi prestati, Di Venuto tramite l'intermediazione di Barbera avrebbe richiesto e ottenuto alti interessi con tassi da usuraio. Davanti alle difficoltà dell'imprenditore vittima nel corrispondere quanto pretesto, in molte circostanze, entrambi lo avrebbero minacciato di morte ricordandogli anche la riconducibilità del denaro avuto in prestito a soggetti appartenenti alla criminalità organizzata, in particolare al clan Santapaola-Ercolano

In una di queste occasioni, Barbera e Di Venuto sarebbero andati a casa dell'imprenditore e lo avrebbero strattonato e minacciato di morte: «Ti finisci mali e ti tagghiu a testa». Il 9 agosto, gli investigatori hanno monitorato l'ennesimo pagamento in piazza Europa. Al termine dell'incontro Barbera è stato bloccato dopo aver ricevuto dalla vittima la somma di 1.200 euro in contanti come ulteriore acconto della cifra complessiva pretesa. Le perquisizioni eseguite nella sua abitazione hanno consentito di sequestrare documentazione utile alle indagini. 

Il 13 agosto il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Catania ha convalidato l’arresto di Barbera e il fermo di Di Venuto. Al primo è stata applicata la misura cautelare della custodia in carcere, mentre al secondo quella degli arresti domiciliari. Entrambi sono ritenuti responsabili in concorso dei reati di usura e tentata estorsione aggravata.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×