Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sconton, da Catania la sfida a Groupon
«In tempo di crisi tutti vogliono risparmiare»

I suoi fondatori sono giovani e catanesi, la mole d'affari, però, sembra quasi quella di una grande azienda di livello nazionale. Il fatturato dichiarato è di 100mila euro, con un indirizzario di 40mila utenti registrati. «Siamo nella giusta fetta di mercato», dice uno dei fondatori

Luisa Santangelo

Un fatturato di 100mila euro tra agosto 2010 e fine 2011. La copia catanese di Groupon fa affari d'oro. Si chiama Sconton, è nato ad aprile 2011 e ha fatto dei gruppi d'acquisto la ragione del suo successo. Sconti altissimi, che in alcuni casi superano il 70 per cento, perché si basano su un concetto semplice: più gente compra, meglio è per l'esercente e per il consumatore. Dal primo embrione a oggi, Sconton – che copre il territorio di Catania e provincia – è cresciuto. Nell'estate 2010 era solo la carta sconto Missconto, nei primi mesi del 2011 è diventato un sito internet: ha lavorato con più di 500 aziende e mira a espandersi in altre città d'Italia. «Sul mercato locale – afferma Antonello Costanzo, 29 anni, laureando in Economia e commercio e co-fondatore della start-up – ci confrontiamo coi colossi americani». Assieme ad Antonello, sono altri quattro i giovani imprenditori – hanno tra i 28 e i 33 anni – che si sono creati il loro lavoro, emulando un modello statunitense di successo. Ma cercano di evitarne i lati negativi: «Che i commercianti si lamentino – dice Costanzo – è una cosa nota, ma se non fossero soddisfatti del servizio che offriamo non tornerebbero da noi». Il meccanismo di acquisizione del cliente somiglia molto a quello della pesca a strascico. Un esercente offre, tramite Sconton, un servizio a un prezzo molto basso e per un tempo limitato, a quel punto gli acquirenti – «Risparmiare, con questa crisi, fa bene a tutti» – lo comprano sul sito e, codice di prenotazione alla mano, vanno a riscuotere quanto hanno pagato sul web. Per ogni offerta, vengono venduti centinaia di coupon sconto. «Sconton percepisce una percentuale che varia dal 35 al 50 per cento – spiega il fondatore – In questo modo il commerciante riesce a coprire i costi vivi e si fa una enorme pubblicità gratis».

Per quantificare il suo «enorme» serve un altro dato: le 40mila registrazioni al sito da aprile a oggi e i 5548 fan su Facebook. «Noi abbiamo anche alcuni dati sulla soddisfazione del cliente – prosegue – Tra il 10 e il 30 per cento di loro, dopo aver scoperto un'azienda tramite Sconton, ci tornano perché sono soddisfatti». Ma, naturalmente, dipende tutto dal settore di riferimento: «I catanesi comprano un sacco le cose che hanno a che fare con la bellezza e il benessere – dice – poi il cibo e la formazione, ma anche i dentisti vanno alla grande». Peccato che l'Ordine dei medici stabilisca chiaramente che «sono vietate tutte le forme, dirette o indirette, di pubblicità personale o a vantaggio della struttura, pubblica o privata, nella quale presta la sua opera». «A usare Sconton per farsi nuovi clienti sono professionisti giovani – risponde Costanzo – e l'Ordine è pieno di dottori più grandi ai quali questa cosa non va a genio». In ogni caso, «il metodo funziona, se non funzionasse non avremmo il successo che abbiamo».

[Foto di antwerpenR]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews