Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, arrestati 9 presunti affiliati agli Assinnata
Droga, violenze e condizionamento dell'economia

Oltre 100 carabinieri per una operazione che secondo gli inquirenti scardina la famiglia mafiosa vicina ai Santapaola. Effettuate anche diverse perquisizioni. Le accuse sono spaccio, tentato omicidio ed estorsione

Redazione

Foto di: Comando provinciale carabinieri Catania

Foto di: Comando provinciale carabinieri Catania

Sono oltre 100 i carabinieri del Comando Provinciale di Catania, che, dalle prime ore del mattino, stanno eseguendo un provvedimento restrittivo emesso dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale etneo su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 9 persone ritenute appartenenti al Gruppo “Assinnata”, quale articolazione territoriale della famiglia mafiosa “Santapaola”, ritenute responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso, nonché di associazione finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, tentato omicidio ed estorsione con l’aggravante del metodo mafioso.

Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catania e sviluppate dalla Compagnia di Paternò, hanno consentito di definire la posizione di predominio della famiglia Assinnata nell’ambito della criminalità organizzata locale quale articolazione territoriale della famiglia mafiosa “Santapaola” considerata una delle più ramificate e pericolose consorterie criminali operante nel catanese. Predominio evidenziato altresì dal segno di reverenza dell’ ”Inchino” durante i festeggiamenti patronali del dicembre 2015.

Gli investigatori, in prosecuzione dello sforzo investigativo che portò sempre in quell’area nel febbraio del 2016 alla cattura nell’ambito dell’operazione “ The End” di altri 14 soggetti del medesimo gruppo criminale (per i delitti di associazione di tipo mafioso, estorsione e traffico e spaccio di sostanze stupefacenti) hanno individuato gli assetti del sodalizio - capi e gregari -, riscontrando un diffuso condizionamento illecito dell’economia locale.

Le attività hanno altresì consentito di evidenziare il ruolo del responsabile del Gruppo il quale, al posto del padre ristretto in carcere, curava i rapporti con altri esponenti di notevole caratura delinquenziale.

I particolari dell’operazione verranno illustrati alle ore 11.00 odierne nel corso di una conferenza stampa che si terrà presso la saletta della Procura della Repubblica, sita in viale XX settembre.

I nomi degli arrestati:

1. Assinnata Domenico, di anni 28, attualmente ristretto presso casa circondariale di Siracusa;
2. Laudani Erminio, di anni 49;
3. Laudani Gaetano, di anni 21;
4. Impellizzeri Marco, di anni 25;
5. Cannavò Samuele, di anni 21, attualmente ristretto presso casa circondariale di Siracusa;
6. Sciacca Marco Giuseppe, di anni 24;
7. Terranova Cristian, di anni 26;
8. Scuderi Ivan Gianfranco, di anni 24;
9. Sammartino Rosario, di anni 39.

(Fonte: comando provinciale carabinieri Catania)

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×