Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, l'assalto agli affari del clan Assinnata
L'arroganza delle nuove leve sotto i trent'anni

«Non dobbiamo attirare l'attenzione». L'annacata delle candelore per il 28enne Mimmo, il 2 dicembre 2015, non è piaciuta al boss Salvatore. Troppa visibilità che farebbe il paio con il bisogno di emergere degli ambiziosi under 30. Guarda foto e video

Salvatore Caruso

«Definire la posizione di predominio della famiglia Assinnata nell'ambito della criminalità organizzata di Paternò». L'operazione Assalto dei carabinieri è servita anche a questo: a stabilire il potere della cosca di Turi Assinnata, boss legato alla famiglia Santapaola di Catania. Due anni di indagini - partite a maggio 2015 e finite a luglio 2017, poco dopo l'operazione The end - che includono anche quanto accaduto il 2 dicembre 2015: l'inchino delle candelore sotto casa di Domenico Assinnata (28 anni, figlio di Turi, già in carcere) durante le celebrazioni per Santa Barbara. Secondo gli investigatori, al rampollo spettava il ruolo di reggente del clan, nonostante la giovane età. E nonostante lo scontento del padre, Salvatore, che non avrebbe apprezzato l'annacata: «Non dobbiamo attirare l'attenzione», avrebbe detto in un'intercettazione captata dalle cimici della procura di Catania.

«Eravamo già attenti - sottolinea il procuratore capo Carmelo Zuccaro - Tant'è vero che c'erano le intercettazioni in corso. Quello che è veramente negativo è che da parte dei cerei (uno degli ortofrutticoli e l'altro dei dipendenti comunali) si sente il bisogno di fare questo gesto di riverenza nei confronti di quello che all'epoca era il capo libero della famiglia Santapaola a Paternò». La religione affiancata al potere mafioso. E usata dalle nuove leve: sulle nove persone arrestate oggi, sette hanno meno di trent'anni. Una ottava persona, Salvatore Alex Atanasio, non è stata rintracciata: anche lui ha 26 anni.

Marco Impellizzeri

Erminio Laudani

Gaetano Laudani

Rosario Sammartino

Giuseppe Marco Sciacca

Ivan Gianfranco Scuderi

Cristian Terranova

Domenico Assinnata

Samuele Cannavò

E c'è di più. Nell'inchiesta si parla delle estorsioni, scoperte «anche grazie alla collaborazione delle vittime». In particolare, di quella a una ditta di autonoleggi che, per ben due volte, ha subito atti intimidatori: prima l'incendio dell'auto del titolare, poi lo sfondamento di vetrina e porta d'ingresso della ditta. Per gli inquirenti, sono gli Assinnata a gestire le piazze di spaccio cittadine: hashish, marijuana e cocaina sarebbero un business di famiglia. Nel corso delle indagini, si legge in una nota, sono stati arrestati in flagranza 12 pusher.  A tenere le redini del clan sarebbero stati Gaetano Laudani, cognato di Mimmo Assinnata, e suo padre Erminio, suocero del rampollo. Fondamentali per lo svolgimento delle indagini sono state le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Orazio Farina e Antonino Caliò, quest'ultimo pentito da qualche mese.

1. Domenico Assinnata, di 28 anni, attualmente recluso nel carcere di Siracusa;
2. Erminio Laudani, di 49 anni;
3. Gaetano Laudani, di 21 anni;
4. Marco Impellizzeri, di 25 anni;
5. Samuele Cannavò, di 21 anni, attualmente recluso nel carcere di Siracusa;
6. Marco Giuseppe Sciacca, di 24 anni;
7. Cristian Terranova, di 26 anni;
8. Ivan Gianfranco Scuderi, di 24 anni;
9. Salvatore Alex Atanasio, di 26 anni, latitante;
10. Rosario Sammartino, di 39 anni.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews