Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mascali, la Regione sospende il Consiglio comunale
Bilancio 2016 non votato. Si va verso scioglimento

L'assessora regionale Bernadette Grasso ha firmato, ieri, il decreto con il quale nomina il funzionario regionale Vincenzo Raitano commissario straordinario. È la fase propedeutica allo scioglimento del senato cittadino per inadempienze sul rendiconto

Luisa Santangelo

Foto di: Salvo Catalano

Foto di: Salvo Catalano

Il Consiglio comunale non ha votato il rendiconto 2016 e, al posto suo, è stato costretto ad approvarlo un commissario inviato dalla Regione. È questo il motivo per il quale adesso l'assessorato alle Autonomie prende la situazione in mano e, con un decreto firmato ieri, dispone la sospensione del senato cittadino di Mascali, in attesa dello scioglimento dell'organismo elettivo. È questo, in estrema sintesi, quanto sta avvenendo in queste ore nel Comune ionico.

In base a quanto ricostruito nel documento siglato dall'assessora regionale Bernadette Grasso, alla fine di luglio 2017 Palazzo d'Orleans aveva nominato un commissario ad acta per via dei ritardi nell'approvazione del bilancio consuntivo comunale per l'esercizio finanziario 2016. Non un fatto strano, in effetti: sono moltissimi i Comuni in Sicilia che vengono commissariati perché votano i documenti economico-finanziari in ritardo rispetto alle scadenze.

A Mascali, però, i ritardi si sono accumulati. E così, il 17 agosto 2018, il commissario ad acta è stato costretto ad approvare - in sostituzione del Consiglio comunale - il rendiconto di due anni fa. Un fatto che, secondo l'Ordinamento regionale degli enti locali, prevede la sanzione dello scioglimento del senato cittadino. Passando, però, attraverso la sospensione temporanea degli eletti. L'assessora Grasso ha nominato il funzionario regionale Vincenzo Raitano quale commissario straordinario.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×