Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Blocchi, disagi anche a Giarre
«Siamo alla frutta. Marcia»

Anche a Giarre blocchi stradali e rallentamenti. Molto alta l'adesione allo sciopero. La mancanza di attenzione da parte dei media nazionale non scoraggia i manifestanti: «Lo sciopero diventerà pesante se non si avranno delle risposte e quando inizieranno a mancare le merci sugli scaffali»

Chiara Privitera

Anche nella provincia etnea sono stati realizzati blocchi che creano disagio al traffico in entrata e in uscita dell'autostrada. A Giarre il presidio dei manifestanti è posizionato al casello autostradale di Trepunti e porta avanti la protesta - definita pacifica dai carabinieri della cittadina - dalla mezzanotte di ieri.

Alta l'adesione allo sciopero, «una manifestazione voluta anche da altri non appartenenti al settore dei trasporti», commenta Giancarlo Torrisi, autotrasportatore. «Catania, Messina e Palermo stanno facendo altrettanto, così come in Calabria e speriamo che lo sciopero si estenda velocemente nel resto d'Italia».

«Il primo giorno chi di dovere non ci presta molta attenzione, da domani cominceranno ad interessarsi. Lo sciopero diventerà pesante se non si avranno delle risposte e quando inizieranno a mancare le merci sugli scaffali - continua Torrisi - Non è giusto che gli errori degli altri, del Governo, li debba pagare la nostra categoria che fa impresa e che dà lavoro, perché nel nostro piccolo anche noi diamo lavoro». Qualcuno replica: «Alle persone non importa, fanno il pieno di carburante e stanno tranquilli» ma Torrisi ribatte: «Non c'è né la possibilità né la volontà per fare il pieno, siamo alla frutta, marcia per giunta».

Anche gli automobilisti, i pendolari soprattutto, condividono l'iniziativa. Rita, residente a Catania, insegna all'istituto Agrario di Giarre. Di ritorno da una mattinata di lezione, confessa di non aver potuto evitare di ritardare recandosi a lavoro: «Stamane, all'imbocco dell'autostrada, quando ho visto un ammasso di auto e mezzi pesanti fermi prima del casello di San Gregorio, pensavo di non poter transitare. Il blocco è stato più psicologico che reale, la polizia permetteva alle auto di passare. Arrivata a Giarre, non ho avuto grosse difficoltà all'uscita del casello». Le motivazioni dello sciopero per la docente sono sacrosante: «Lo sciopero è uno strumento importante e deve creare disagio - commenta Rita - è la nostra classe politica che ha permesso che si arrivasse a tanto. Quello delle accise sul carburante, poi, è un vecchio conto» conclude.

L'aumento delle accise sul carburante - e non solo - è percepito da tutti come un modo per fare cassa. «Ancora oggi i prezzi relativi all'aumento del gasolio, dell'autostrada e delle assicurazioni non sono ricadute sulla popolazione, ma vi ricadranno a breve - spiega Giancarlo Torrisi - quando saremo costretti ad aumentare i prezzi».

 

[Foto di Chiara Privitera e Angelo Musumeci]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×