Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Lombardo, il gip non accoglie l'archiviazione
Udienza a porte chiuse il primo marzo

Si riapre il caso del governatore siciliano e del fratello, deputato nazionale Mpa, in un primo momento coinvolti nell'indagine Iblis con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. L'archiviazione, richiesta dai magistrati dopo l'intervento del Csm, non è stata accolta dal giudice. «Solo un modo per decidere in un caso delicato», minimizza il legale del presidente

Claudia Campese

Un'archiviazione che sembrava quasi un passaggio burocratico. Prima dimenticato, poi sollecitato dal Csm – e dalle proteste dei magistrati – e adesso non accolto dal giudice. Si riapre il caso del governatore siciliano Raffaele Lombardo e del fratello Angelo, deputato nazionale Mpa, inizialmente coinvolti nell'indagine Iblis con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Un capo di imputazione poi derubricato a reato elettorale e per cui era stata chiesta l'archiviazione lo scorso novembre. Ma ieri è arrivata la prima decisione del giudice per le indagini preliminari Luigi Barone che ha fissato un'udienza camerale con le parti per il primo marzo. «Solo un modo per decidere in un caso delicato», minimizza Guido Ziccone, legale del presidente della Regione. Il non accoglimento della richiesta che avrebbe dovuto mettere fine alla vicenda, dice la legge.

E anche la fine di una polemica che ha coinvolto lo stesso palazzo di giustizia etneo. È il novembre del 2010 quando un blitz dei Carabinieri dà origine a una delle indagini più chiacchierate della città. Perché coinvolge diversi politici e imprenditori accusati di collusione con la criminalità organizzata e, tra questi, anche il presidente della Regione Raffaele Lombardo e il fratello Angelo, deputato nazionale autonomista eletto in modo poco pulito, secondo i magistrati. Ma trascorrono sei mesi e la situazione cambia. L'accusa di concorso esterno per i due fratelli non reggerebbe in giudizio, spiegano l'allora procuratore capo facente funzioni Michelangelo Patanè e l'aggiunto Carmelo Zuccaro. Che avocano le indagini e stralciano la posizione dei due, derubricando il capo d'imputazione a reato elettorale. I quattro sostituti procuratori titolari del caso, però, non sono d'accordo e ricorrono al Csm. Che, dal canto suo, non riscontra alcuna violazione. Ma sottolinea come il cambio di un’accusa con un’altra «non può certo comportare un’elusione dell’obbligo di sottoporre al vaglio del giudice» la scelta di archiviare l’azione penale su fatti ipotizzati in precedenza. E così si arriva a novembre dello scorso anno, con una richiesta più dal sapore burocratico che di sostanza.

Almeno fino a ieri. «Come motivazione, nel provvedimento, leggo solo la volontà del giudice di assumere meglio i fatti incontrando le parti – spiega Ziccone – Secondo la mia interpretazione è un bene che una questione così complessa e di cui tanto si è discusso fuori dall'aula venga trattata anche in udienza». Ma il codice di procedura penale, con l'articolo 409, è chiaro e ammette poche interpretazioni. A meno di casi in cui sia stata presentata un'opposizione da una persona offesa, «il giudice, se accoglie la richiesta di archiviazione, pronuncia decreto motivato e restituisce gli atti al pubblico ministero». Nessun incontro chiarificatore e facoltativo. Se invece «non accoglie la richiesta, il giudice fissa la data dell'udienza in camera di consiglio». E la partita si riapre ufficialmente.

Dopo il primo marzo, infatti, Barone potrà decidere se disporre ulteriori indagini o richiedere al pubblico ministero la formulazione di un capo d'imputazione. A voler seguire il codice alla lettera, questa udienza sarebbe un punto di non ritorno: tra le sue pagine, infatti, non è contemplata la possibilità di un'archiviazione diretta. Ma l'interpretazione del giudice potrebbe essere più flessibile e così si aprirebbe una terza strada: dritta verso il punto di partenza. Il 6 febbraio, intanto, il governatore e il fratello saranno di nuovo davanti al giudice con l'accusa di voto di scambio.

[Foto di Clearly Ambiguous]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×