Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Piazza Mancini: investe e minaccia un pedone
Pensionato usa paletta e distintivo di servizio

Redazione

Agenti del commissariato Borgo Ognina hanno indagato in stato di libertà per omissione di soccorso e lesioni colpose un uomo che, dopo aver investito un pedone che si trovava in piazza Mancini Battaglia, si è allontanato senza prestare soccorso. 

Ma non è tutto: l’investitore, infatti, prima di allontanarsi definitivamente (ovviamente, senza lasciare nemmeno le proprie generalità per eventuali pratiche assicurative) ha cercato di intimorire il pedone, mostrandogli una paletta istituzionale con il logo della Repubblica Italiana - direzione generale Mctc, qualificandosi come pubblico ufficiale: ciò gli ha comportato un’ulteriore denuncia per usurpazione di funzioni pubbliche. 

Grazie alla denuncia sporta dall’uomo, che ha riportato lesioni refertate dal pronto soccorso dell’ospedale Cannizzaro dov’è stato trasportato nell’immediatezza, gli agenti del commissariato di polizia hanno avviato le indagini che hanno portato all’identificazione dell’investitore che, sentito dai poliziotti, inizialmente ha negato ogni addebito, affermando di essere estraneo alla vicenda. 

Gli investigatori, però, non hanno creduto alla versione dell’automobilista che, sin dall’inizio, è apparso agitato e discordante e, recatisi presso la sua abitazione, hanno rinvenuto sul parabrezza della sua autovettura una targhetta istituzionale che l’uomo aveva ricevuto in dotazione quando era in servizio quale funzionario della motorizzazione civile di Catania. 

Di fronte all’evidenza dei fatti e per evitare ulteriori conseguenze, l’automobilista ha confessato ogni addebito, consegnando anche la paletta utilizzata in occasione del sinistro stradale avuto in piazza Mancini Battaglia. L’indagato ha anche ammesso che una volta andato in pensione, ha trattenuto per sé la paletta e la targhetta distintiva che gli erano state assegnate per motivi di servizio. Tanto la paletta che la targhetta sono state debitamente sequestrate e messe a disposizione dell’autorità giudiziaria.

(Fonte: questura di Catania)

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×