Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La storia di Giulia, pubblicista scomoda
«L'Ordine? Si occupi della deontologia»

Approfondimenti su tematiche specifiche, ma senza dimenticare l'attualità. E' Dentro e dietro la notizia, un ciclo di incontri organizzati dalla Feltrinelli di Catania insieme all'associazione per la promozione del giornalismo universitario Upress Cta. Domani il primo appuntamento, alle 18, con Graziella Proto di Casablanca e Giulia Martorana, la giornalista di Enna condannata per non aver voluto rivelare la propria fonte

Claudia Campese

Dal naufragio della Costa Concordia ai blocchi in Sicilia. Per «meglio comprendere ciò che è (o che non è) reso noto dai media cogliendone eventuali strategie ed incoerenze comunicative». E' Dentro e dietro la notizia, la speciale rassegna stampa organizzata dalla Feltrinelli di Catania insieme all'associazione per la promozione del giornalismo universitario Upress Cta e coordinata dalla giornalista Rosa Maria Di Natale. Un ciclo di cinque incontri - da gennaio a maggio – di un'ora e mezza ciascuno: dalle 18 alle 19.30. Il primo appuntamento è previsto per domani, nella sede di via Etnea 285, per parlare di giustizia e legalità – ma anche di attualità – con le giornaliste siciliane Giulia Martorana e Graziella Proto.

Il nome della Proto è già noto a Catania. Fondatrice nel 2006, insieme a Riccardo Orioles, della rivista Casablanca: c'è chi la leggeva in cartaceo e chi adesso la riceve ogni due mesi sulla propria posta elettronica. Ma anche collaboratrice de I Siciliani di Giuseppe Fava prima e amministratrice de I Siciliani Giovani poi, dopo la morte del direttore nel 1984. Alla sua attività sono legate diverse inchieste sulla criminalità organizzata in città.

Di Giulia Martorana, invece, si è molto sentito parlare in questi ultimi mesi per una vicenda giudiziaria che l'ha vista protagonista. Il giudice di Enna l'ha infatti condannata a 20 giorni di carcere per essersi rifiutata di rivelare la propria fonte. Inutile invocare il segreto professionale: lei è una giornalista pubblicista e per legge, in Italia, la tutela spetta solo ai professionisti. «Ho invocato il segreto quasi per provocazione – spiega lei stessa – Perché, per quanto mi riguarda, l'iscrizione a un albo o ad un altro è irrilevante per il riconoscimento della mia professionalità». Giulia Martorana - firma del quotidiano La Sicilia e collaboratrice dell'agenzia di stampa Agi -, infatti, dedica la sua vita al giornalismo dalla metà degli anni '70.

Classe 1960, ennese di nascita, ha iniziato la sua carriera prima nelle radio e poi nelle tv private di Mazara del Vallo, dove intanto si era trasferita con la famiglia. «In quel periodo c'era molto da raccontare – spiega – e mi occupavo soprattutto di immigrazione e lavoro». Una breve interruzione delle collaborazioni e poi la ripresa con L'Ora di Palermo e il Giornale di Sicilia, nel 1996. «Fino a quel momento non ero nemmeno iscritta all'Ordine – racconta – E' stato il Gds ad insistere per regolarizzarmi, considerato che mi occupavo anche di cronaca nera e giudiziaria. Capisco che è importante, ma io ne avrei fatto anche a meno». Da quasi otto anni, infine, le corrispondenze da Nicosia per La Sicilia e la collaborazione con l'Agi.

Eppure, nonostante la vicenda giudiziaria che l'ha coinvolta, Martorana non ha alcuna intenzione di diventare professionista. «E per cosa? - chiede – Per poi scrivere due pezzi l'anno o dirigere un ufficio stampa?». Per lei, il suo mestiere lo fa già bene così. «E poi ormai è una questione di principio». Piuttosto, crede che sia l'Ordine a doversi adeguare. Una convinzione sostenuta in pubblico ancora prima delle liberalizzazioni volute dal governo Monti. «Nel 2009, l'anno del mio rinvio a giudizio – racconta – avevo scritto una lettera aperta per chiedere che venissero rivisti i requisiti di accesso all'albo dei pubblicisti. Chiedevo, insomma, un Ordine più ordinato», ride. Oltre che, ovviamente, la tutela di tutta la categoria, senza distinzioni. E se per la prima richiesta qualcosa effettivamente si è mosso, per la seconda è la sua stessa vicenda a denunciare l'immobilismo della corporazione. Nonostante proprio qualche settimana fa, il Tribunale di Palermo abbia assolto una collega nella stessa condizione.

Questioni che potrebbero sembrare tutte interne alla categoria ma che invece riguardano sempre più i lettori. «Perché quello di cui davvero dovrebbe occuparsi l'Ordine è la deontologia – spiega Martorana – Che ormai a me pare finita sotto i piedi». E di cui si discuterà anche domani alla Feltrinelli, attraverso esempi concreti di titoli e notizie. «Ma vi sembra normale fare un titolo come Capitan codardo? - s'infervora Giulia Martorana, riferendosi al naufragio della Costa Concordia – Questo è sbattere il mostro in prima pagina, senza una reale conoscenza dei fatti». E anche un pessimo servizio per i lettori. Per quelli siciliani in particolare negli ultimi giorni, secondo la giornalista. «A proposito dei blocchi, io ho trovato fuori luogo parlare di infiltrazioni mafiose – spiega – Lo facciamo in qualunque occasione per avere un po' di visibilità sociale». E sulle denunce di intimidazione subite dai commercianti? «Ci sarà pure stato un camionista pregiudicato, sono dappertutto, anche in politica e nelle banche – conclude – Ma non per questo si può gettare un'onta su tutto un movimento».

[Foto di Mara Stacca]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×