Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Dissesto, la Giunta adotta le misure correttive
Bonaccorsi illustra la manovra ai capigruppo

La delibera riguarda i rendiconti degli anni 2014, 2015 e 2016. I rilievi di legittimità ammontano a oltre 449 milioni, da spalmare in sei anni fino al 2022. Ora si attende il voto del Consiglio comunale, che dovrà arrivare entro il 21 settembre

Redazione

La giunta comunale di Catania presieduta da Salvo Pogliese ha adottato la delibera delle misure correttive relative alle criticità contestate dalla Corte dei Conti Sezione di Controllo per la Regione Siciliana con deliberazione n. 154/2018 notificata al Comune lo scorso 23 luglio relativamente ai rendiconti degli esercizi finanziari 2014, 2015 e 2016. L'atto ricognitivo è stato proposto dal vicesindaco e assessore al Bilancio Roberto Bonaccorsi sulla scorta di un'attenta verifica effettuata dagli uffici di ragioneria diretti da Clara Leonardi. 

I rilievi di legittimità ammontano complessivamente a 449.472.210,85 euro, da spalmare in un sessennio negli strumenti finanziari dal 2017 al 2022 e dovranno essere obbligatoriamente licenziati dal Consiglio comunale entro i 60 giorni dell'avvenuta notifica della deliberazione della Corte dei Conti, cioè entro il 21 settembre prossimo. Il contenuto della manovra è stato illustrato stamane dal vicesindaco Bonaccorsi alla conferenza dei capigruppo del Consiglio comunale. 

Tra le osservazioni e le prescrizioni del collegio giudicante della Corte dei Conti relative alle misure correttive da cui scaturiscono gravami finanziari per il Comune di Catania le modalità di ripiano del disavanzo 2011 pari a 140.000.000 euro fino al 2022: accantonamenti fondo rischi spese legali (contenzioso) secondo i criteri e i principi espressi e contenuti nelle norme e nei principi contabili che dettano le regole proprie della nuova contabilità armonizzata; la mancata costituzione del Fondo perdite delle società partecipate; l'illegittima imputazione al fondo pluriennale vincolato di 29.943.908,85 euro e conseguente mancato rispetto del patto di stabilità 2014; la determinazione del Fondo pluriennale vincolato e definizione di adeguati crono programmi di spesa; l'inadeguatezza del Fondo crediti di dubbia esigibilità; la grave criticità della gestione di cassa; la grave situazione debitoria dell'Ente e l'impiego di improprie modalità di risoluzione dei rapporti con i terzi creditori e mancato accantonamento di fondi adeguati.

(Fonte: Ansa)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×