Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Parentopoli guide Etna, Cga ripassa palla al Tar
Disposta una nuova udienza. Il concorso in bilico

Sul ricorso di cinque degli oltre 90 partecipanti esclusi dalle prove finite sotto inchiesta dovrà esserci un giudizio di merito. I ricorrenti sentono sempre più vicino il blocco per via amministrativa del corso che intanto ha già abilitato 19 nuove guide dell'Etna

Francesco Vasta

Foto di: Giò Giusa

Foto di: Giò Giusa

La loro azione sembrava aver imboccato un binario morto, ma ci ha pensato il Consiglio di giustizia amministrativa a sparigliare ancora le carte in tavola. Ieri un'ordinanza del collegio presieduto dal giudice Rosanna De Nictolis e firmata da Maria Immordino ha rimesso in campo il ricorso presentato da cinque dei partecipanti non ammessi al concorso per nuove guide dell'Etna finito nella tempesta della presunta parentopoli. Il Cga ha accolto la loro istanza, diversamente da quanto era accaduto in primo grado, «ritenuto che l’interesse cautelare del ricorrente può essere soddisfatto - si legge nel provvedimento - attraverso una sollecita fissazione del merito da parte del Tar». I ricorrenti avevano chiesto la riammissione al corso per la formazione di 19 nuove guide vulcanologiche, i soli professionisti autorizzati a lavorare sui crateri di Etna e Stromboli. In primo grado il loro ricorso era stato respinto. 

Il Cga adesso riaccende la speranza anche per loro e chiede appunto al Tar di fissare un'udienza per esaminare il caso; un segnale non da poco visto che il corso stesso si è già concluso. I 19 vincitori delle contestatissime prove fisiche dello scorso 3 maggio, su cui la procura di Catania ha aperto un'inchiesta, di fatto sono già diventate guide in tempi ancora più rapidi rispetto al corso del 2016, quando altre venti persone sono state abilitate con una quarantina di giorni di attesa in più. I ricorsi poggiano su alcune paventate anomalie nella rilevazione dei tempi e nell'applicazione dei regolamenti delle selezioni, cioè test di orientamento e prove di regolarità in salita e in discesa tenutesi nel bosco Ragabo, a Linguaglossa. Sulla stessa linea, ma con prove che sarebbero ben più circostanziate sulle presunte responsabilità penali di alcuni soggetti, poggia l'esposto che ha dato il via all'indagine dei magistrati etnei. 

La decisione, inoltre, aggiunge ulteriore peso a quella prevista per il prossimo 20 settembre. Quel giorno si riunirà la camera di consiglio della quarta sezione del Tar di Catania su un ulteriore ricorso - sempre sulla stessa sessione di esami 2018 - avanzato da una quarantina di altri partecipanti esclusi dalle prove il cui esito era stato l'ammissione di una decina di figli e parenti di componenti del Consiglio direttivo del Collegio regionale delle guide vulcanologiche, l'ente organizzatore dell'esame. Il Tar, a luglio, aveva giudicato questo ricorso «potenzialmente idoneo a decretare l’annullamento dell’intera procedura concorsuale» e per questo aveva chiesto di «integrare il contraddittorio anche nei confronti di tutti i candidati che abbiano superato con esito favorevole le prove».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×