Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

«Caro Martone, sfigato sarà lei
Laurearsi a 30 anni è un atto di coraggio»

Una lettrice di 26 anni, Alessandra, ha raccolto il nostro appello e ci ha raccontato la sua storia di studentessa a un passo dalla laurea. L'età «non può essere il parametro per valutare il percorso umano di una persona, né per valutarne la competenza, il talento, la voglia di fare ed i sacrifici per conseguire una laurea»

Redazione

Mi chiamo Alessandra Litrico, ho 26 anni e sono una studentessa iscritta all'ultimo anno in giurisprudenza, ormai prossima alla laurea. Ho scelto di iscrivermi all'università all'età di 20 anni, dopo aver riflettuto un attimo sul mio futuro: volevo che fosse una mia decisione, ponderata, razionale. Questo non depone a mio favore, immagino, ma ho l'abitudine di attribuire un certo peso alle scelte che riguardano la mia vita.

Ammetto di non aver gradito le parole del Viceministro Michel Martone , il quale - occorre dirlo - si è scusato poco dopo per la mancanza di «sobrietà». Orbene, chiedo scusa io adesso, ma non credo che il reale problema sia stato quello. Ho letto il suo curriculum, di tutto rispetto, ma sono totalmente d'accordo con le parole del mio ex collega Agatino Lanzafame, quando fa le sue riflessioni circa il pulpito da cui proviene la predica.

L' indiscusso talento ha giocato a favore di questo titolato signore, come parimenti il fatto di essere figlio del giudice Antonio Martone. Quando si dicono certe cose, quando si spara a zero, bisognerebbe anche ricordare che noi giovani, sfigati, brillanti, bamboccioni e quant'altro, siamo tutti più o meno in grado di fare una elementare ricerca su Google.
E se la memoria fa brutti scherzi, nonostante la giovane età del Signor Martone, si rischiano magre figure. Un'affermazione cosi generica, volta a sentenziare, non può che scontrarsi con le idee ed i principi di studenti come me.

Beninteso, non ho ancora 28 anni, ma poco importa, sarei provata in qualunque caso, perchè credo fortemente che l'età non c'entri assolutamente nulla. Essa non può essere il parametro per valutare il percorso umano di una persona, né per valutarne la competenza, il talento, la voglia di fare ed i sacrifici per conseguire una laurea.
E non può essere un parametro, perchè non tutti hanno le stesse possibilità, non tutti vivono le stesse situazioni e la carenza di meritocrazia, nel nostro paese, non è un dettaglio irrilevante .

La mia opinione è che, anche se stenterei comunque a definirlo tale, lo sfigato sia quel genere di persona che conclude brillantemente gli studi a 24 anni, tramite raccomandazioni. Ci penserei due volte, pertanto, prima di pronunciare una frase che palesa un certo distacco dalla realtà.

Se fossero più vicini alle concrete esigenze del paese e dei giovani, nella fattispecie, non si sognerebbero di fare affermazioni simili, perchè sarebbero a conoscenza delle difficoltà che abbiamo giornalmente nel seguire le lezioni universitarie, della carenza di aule, del fatto che non tutti possono permettersi di pagare le tasse e che, anzi, la maggior parte degli studenti lavora per mantenersi gli studi. Ciò, tra l'altro, induce inevitabilmente ad uno studio individuale, lontano dalla facoltà, dal supporto dei docenti, tra il lavoro e le faccende quotidiane, per aiutare la famiglia .

Questa è la realtà, questo è ciò che viviamo. Sono pronta a dire con fermezza, in mezzo a tutto ciò, che ambire alla laurea (anche a 30 anni) non sia da sfigati, ma addirittura un atto di coraggio.

 

[Foto di Rahego]

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×