Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Caos ripescaggi, il Tar del Lazio stoppa il Coni
Monopoli-Catania sospesa a data da destinarsi

Ennesimo colpo di scena: i giudici hanno accolto oggi l'istanza della Pro Vercelli, che sospende la decisione del Collegio di garanzia del Coni sull'inammissibilità del ricorso presentato dalla società piemontese. Rinviate tutte le gare delle società coinvolte

Giorgio Tosto

Sembrava tutto finito, con l'indignazione delle società estromesse dalla B e la soddisfazione, dall'altra parte, di Federazione e Lega B: quando anche la Serie C stava finalmente per mettersi in moto, con le prime gare previste tra martedì e mercoledì prossimi, è giunta dal Tar del Lazio una sentenza che potrebbe ribaltare tutto. Il tribunale amministrativo regionale ha infatti dato ragione alla Pro Vercelli, accogliendone l'istanza in merito alla decisione avversa del Collegio di Garanzia (che aveva dichiarato l'inammissibilità dei ricorsi presentati dai piemontesi in merito alle delibere Figc che davano il via libera alla B a 19 squadre, bloccando i ripescaggi, ndr) sospendendo di fatto l'efficacia della decisione emanata dall'organo del Coni lo scorso martedì 11 settembre e rinviando tutto alla Camera di consiglio del Tar, prevista per il prossimo 9 ottobre.

Il presidente della Lega Pro Gabriele Gravina, poco dopo la comunicazione, ha dichiarato ufficialmente che le squadre interessate ai ripescaggi in Serie B (Catania, Novara, Pro Vercelli, Robur Siena e Ternana) non scenderanno in campo nel prossimo turno di campionato. «Ci tocca ancora una volta pagare un prezzo molto alto - ha dichiarato Gravina alla stampa - diversi soggetti hanno ribadito a più riprese che la decisione di una B a 19 con determinate modalità non avrebbe comportato problemi per nessuno, questa è la dimostrazione della loro grande miopia. Siamo a metà settembre - ha precisato il massimo dirigente - e ancora continuiamo a parlare di rinvii, ricorsi e sentenze». Riguardo poi la data del 9 ottobre, Gravina ha ammesso la possibilità che le 5 squadre coinvolte rimangano ferme fino a quella data. 

Si allontana, dunque, la data del rientro in campo anche per il Catania: salta la trasferta di Monopoli, prevista allo stadio Veneziani il prossimo martedì 18 settembre alle ore 20:30. Una scelta che non farà piacere a giocatori e tifosi ma che, dall'altra parte, riapre la possibilità del ritorno nella serie cadetta. Non è facile né corretto, al momento, sbilanciarsi su quella che potrà essere la decisione della Camera di consiglio del Tar. Ci sono due certezze: la prima è che, ancora una volta, l'immagine del nostro sistema calcio viene pesantemente danneggiata da una vicenda gestita in maniera non lineare dagli organi sportivi preposti; la seconda è che, dopo due mesi e mezzo e tre gradi di giudizio, la palla non è ancora passata al campo.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×