Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aggrediscono e minacciano un uomo fingendosi mafiosi
La vittima aveva chiesto di spostare le auto per passare

Due cognati di 35 e 24 anni sono indagati per lesioni gravi e minacce in concorso e per agito per futili motivi in seguito a un diverbio stradale. La vittima ha riportato fratture multiple e un trauma cranico con una prognosi di 30 giorni

Redazione

Si sono qualificati come «mafiosi» e hanno aggredito e minacciato di morte la propria vittima apostrofandola come «sbirro e carabiniere». Due cognati di 35 e 24 anni sono, adesso, indagati per lesioni gravi e minacce in concorso e per aver agito per futili motivi in seguito a un diverbio stradale.

Secondo quanto ricostruito dai poliziotti del commissariato Borgo Ognina, tutto è iniziato all'interno dell'area di servizio in via Passo Gravina. Due auto impediscono l'uscita e l'uomo, che poi diventerà la vittima, sollecita l'attenzione dei due uomini alla guida perché si spostino e lo lascino uscire. Gli autisti, in macchina con le rispettive famiglie tra cui anche figli minori, intenti a parlare tra loro e infastiditi dalla richiesta, scendono dai mezzi e offendono e aggrediscono fisicamente l'uomo che ha riportato fratture multiple e un trauma cranico con una prognosi di 30 giorni.

I due si sono prima allontanati senza prestare soccorso alla vittima e lasciandola a terra. Poco dopo, però, avendo notato che la vittima li aveva ripresi con un cellulare, sono tornati indietro e lo hanno colpito ancora nell'intento di sottrargli il telefonino. Il loro intento non è andato a buon fine, ma hanno continuato a inveire con minacce di morte presentandosi come «mafiosi» e utilizzando «sbirro e carabiniere» come parole offensive rivolte alla vittima, avendo dedotto che con le riprese video avrebbe avuto un supporto utile per denunciarli. In effetti, la vittima ha denunciato i due cognati. Il 35enne è risultato già indagato per resistenza aggravata a pubblico ufficiale mentre il 24enne per rissa

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×