Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Misterbianco, sigilli a 4,6 milioni di articoli illegali
Procura di Catania denuncia un imprenditore cinese

Un negozio e un deposito, nella zona industriale del Comune etneo, stipati di prodotti contraffatti, non tracciati o dotati di etichette false. Il proprietario riforniva, all'ingrosso, altri commercianti della provincia. Copiati i marchi di abbigliamento. Guarda le foto

Redazione

Foto di: Guardia di finanza Catania

Foto di: Guardia di finanza Catania

I militari del comando provinciale della guardia di finanza di Catania, nell’ambito dei servizi posti a contrasto dell’economia illegale, hanno sottoposto a sequestro, nella zona industriale di Misterbianco (Catania), oltre 4,6 milioni di articoli contraffatti, riportanti mendaci indicazioni sulla loro origine o non a norma rispetto alle previsioni del Codice del consumo. L’intervento dei finanzieri del gruppo di Catania ha riguardato i locali commerciali e il deposito di un’azienda, gestita da un soggetto di etnia cinese, che rifornisce, all’ingrosso, diversi operatori della provincia etnea. 

Tra gli articoli ed accessori d’abbigliamento che le fiamme gialle hanno sequestrato vi sono cappelli, borse, pochette e cinture riproducenti i marchi e loghi contraffatti di diverse griffe (tra le quali Gucci, Valentino, Louis Vuitton, Versace, New York Yankees e Burberry), nonché altri prodotti di vestiario che, sebbene di origine asiatica, riportavano in maniera illegale la dicitura made in Italy o mendaci riferimenti alla loro manifattura italiana (quali, ad esempio, l’apposizione di piccole etichette con la bandiera italiana). Inoltre, sono stati sequestrati amministrativamente numerosi prodotti di bigiotteria, esposti per la vendita all’interno del citato esercizio commerciale, totalmente privi delle indicazioni che la vigente legislazione pone a tutela della salute del consumatore e, in particolare, relative all'indicazione dell’origine del bene nonché dei materiali utilizzati per la fabbricazione. 

Al termine delle attività, l’imprenditore cinese è stato denunciato alla procura etnea per il reato di introduzione nello Stato e commercio di prodotti contraffatti e segnalato alla locale Camera di Commercio per l’irrogazione delle sanzioni previste per il commercio di prodotti non conformi alle prescrizioni del Codice del consumo.

(Fonte: guardia di finanza Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×