Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Salvataggi in montagna, intesa Gdf-Cnsas

Redazione

Nell'ambito dell’accordo di cooperazione siglato a livello centrale tra il corpo della Guardia di Finanza e il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (C.N.S.A.S.), nello scorso mese di agosto il Comando regionale Sicilia Gdf e il Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano (S.A.S.S.) hanno stipulato un protocollo d’intesa finalizzato a rafforzare la collaborazione nelle attività operative in ambiente montano - Etna, Nebrodi, Madonie - in occasione di congiunte operazioni di salvataggio che interessino il territorio insulare. L’iniziativa mira ad assicurare massima efficienza e sinergia operativa tra il personale del S.A.S.S. e i militari della stazione del Soccorso alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi.

In particolare, il documento, nel rispetto delle diverse competenze e attribuzioni dei due enti, regolamenta due principali aspetti, quello formativo e quello operativo. Con riguardo al primo ambito, il protocollo prevede la realizzazione di incontri e corsi di formazione promossi e calendarizzati da entrambe le organizzazioni per l’aggiornamento teorico-pratico dei rispettivi operatori; ciò con l’esplicita finalità di accrescere il patrimonio di competenze e professionalità da ciascun ente maturato nei particolari scenari del soccorso montano. 

Per l’aspetto operativo, vengono invece definite le modalità di allertamento: - per il soccorso congiunto e recupero - anche avvalendosi degli elicotteri della Guardia di Finanza - degli infortunati, dei dispersi e delle persone che versano in imminente pericolo di vita e/o in condizione di potenziale pericolo per la loro incolumità; - dei militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza - i quali rivestono le qualifiche di ufficiali/agenti di polizia giudiziaria, pubblici ufficiali e agenti di pubblica sicurezza - nei casi in cui nel corso degli interventi emerga l’esigenza di compiere accertamenti urgenti su aspetti di competenza dell’Autorità giudiziaria penale ovvero per i quali occorra interessare le Autorità amministrative per l’adozione di specifici provvedimenti. 

(Fonte: comando provinciale Gdf Catania)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×