Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Piazza Pilo e San Berillo, controlli anti spaccio

Redazione

Ieri, su disposizione del questore Alberto Francini, personale del commissariato Borgo-Ognina ha effettuato dei controlli finalizzati a garantire il regolare e sereno svolgimento delle attività didattiche e tutelare la sicurezza degli operatori scolastici e, in modo particolare, degli alunni, più facilmente esposti a pericoli e insidie a causa della loro giovane età.

I controlli di polizia sono stati eseguiti nei pressi di piazza Rosolino Pilo dove i malintenzionati approfittano della presenza di giovani studenti che frequentano gli istituti scolastici vicini e, infatti, a seguito di attività di osservazione, i poliziotti hanno notato stanziare molti giovani minori - e non - ed è stato accertato che un ragazzo di origine colombiana ha ceduto della sostanza stupefacente tipo marjuana ad altri 2 giovani. Pertanto, il giovane, già con precedenti di polizia, è stato indagato in stato di libertà per il reato di spaccio di sostanza stupefacenti con l’aggravante di aver commesso il fatto nelle immediate vicinanze di una scuola. Ai due giovani, oltre ad avere sequestrato la sostanza stupefacente, sono stati segnalati alla prefettura e , infine, ad uno di questi (uno studente), essendosi recato in loco con il proprio scooter, è stata anche sequestrata la patente.

I poliziotti, a seguito di attività investigativa, hanno appreso che molti giovani sono soliti recarsi nel quartiere di San Berillo vecchio, nello specifico in via delle Finanze e zona limitrofe al fine di acquistare sostanza stupefacente e, alla luce di quanto esposto, i poliziotti della squadra mobile e del commissariato Borgo Ognina, coadiuvati dalla squadra cinofili antidroga, si sono recati in detto quartiere al fine di accertare la fondatezza della notizia.

Effettivamente, sul posto sono stati notati quattro cittadini extracomunitari che stanziavano negli angoli di detta via verosimilmente in attesa di possibili acquirenti, diversi dei quali sono stati identificati. I poliziotti, una volta intervenuti, hanno fermato due dei citati extracomunitari, poi identificati per cittadini del Gambia e uno di questi deteneva in mano della sostanza stupefacente mentre gli altri due si dileguavano dopo aver fatto cadere per terra della sostanza stupefacente.

Si è proceduto ad una meticolosa attività di ricognizione dei luoghi e, a tal riguardo, anche grazie al cane anti droga Vite è stato possibile rinvenire nei fori dei muri e in modo ben occultato circa 1000 dosi di marjuana e hashish (totale 18 stecchette/ciuffi). Inoltre, è stato necessario demolire alcuni muri posti sulla via pubblica in quanto Vite aveva segnalato la citata sostanza stupefacente, droga effettivamente rinvenuta e, trovate anche 3 bilance di precisione.

I due extracomunitari del Gambia sono stati indagati per detenzione in concorso di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio e, ad uno di questi, già con precedenti penali in materia di spaccio, è stato anche notificato il provvedimento di revoca del permesso di soggiorno rilasciato precedentemente per motivi di protezione umanitaria.

Le operazioni di polizia sono state complesse a causa degli ostacoli stradali (fioriere, mobili, spazzatura etc.), verosimilmente creati per evitare il controllo da parte delle forze dell’ordine e, fatto di rilievo, si è constatato che ci sono alcuni casolari abbandonati e in rovina divenuti luogo di discarica illegale di rifiuti anche speciali e pericolosi, circostanza segnalata alla Polizia locale reparto ambientale.

(Fonte: commissariato Borgo Ognina)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×