Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sant'Agata costa 500mila euro ai catanesi
Il Comune: «La città ci guadagna»

Si sono appena concluse le festività agatine ed è giunto il momento di tirare le somme. Quanto costa sant'Agata ai catanesi? Quali i benefici per la città? Ce lo spiegano il responsabile comunale delle aree mercatali e il responsabile amministrativo del Comitato per le feste agatine

Desirée Miranda

Festa di Sant'Agata, anche quest'anno è tutto finito. Si tirano le somme delle celebrazioni che la città di Catania riserva alla sua patrona e tra pericoli per la sicurezza e devoti arrabbiati per non aver potuto percorrere la via di Sangiuliano e non aver sentito il canto delle suore benedettine, la Santuzza è stata risposta nella sua celletta. Tanti i soldi spesi e tante le forze messe in campo. Una festa religiosa, ma tutta a spese dei catanesi, anche di coloro che non sono devoti. Dal Comune però non hanno nessun dubbio sull’importanza e sull’utilità né della festa né della fiera che è stata aperta dall'1 al 5 sera. 

«Produciamo introiti e non oneri – afferma Giuseppe Fichera, responsabile delle aree mercatali del comune di Catania – L’afflusso è notevole, quasi tutti i cittadini si riversano per le strade insieme a molti turisti. Tutto questo significa far girare l’economia catanese, anche se gli acquisti sono in calo. Gli operatori economici, infatti non aspettano altro». Secondo Fichera, l’amministrazione Stancanelli ha saputo «minimizzare i costi migliorando i servizi e producendo un indotto notevole con un buon ricavo per gli operatori del commercio. Magari ci fosse più spesso questa festa».

Insomma una festa storica e folkloristica che rappresenta un momento importante per tutta la città etnea. Al contempo, però, è anche una spesa per l’amministrazione comunale che infatti riserva una voce specifica in bilancio, anzi due, come ci spiega Fichera: «una per la festa e una per la fiera».

«Sono circa 500 mila gli euro destinati alla festa, che è interamente organizzata dal Comune» spiega Giampaolo Adonia, responsabile dell'ufficio amministrativo del Comitato per le feste agatine del comune etneo. «Una cifra notevole, ma nulla in confronto al ritorno per la città» tiene a specificare. Di certo l’amministrazione deve servire la città sia a livello di controllo che di sicurezza e pulizia, prevedendo quindi indennità ai vigili urbani «unico corpo competente per la repressione all’abusivismo» come ricorda l’assessore alle attività produttive Franz Cannizzo, ma tante sono le voci in capitolo.

«Le spese principali - spiega Adonia - sono per le luminarie  - l'affitto costa 50 mila euro - e per gli spettacoli pirotecnici e piromusicali, per cui si è speso 183 mila euro». Nella voce di bilancio, comunque, sono inclusi anche i costi per la pulizia delle strade dalla cera, per la manutenzione della vara e del fercolo, per la stampa dei programmi e per l'amplificazione, solo per fare qualche esempio. «Tutte voci che prevedono una spesa minore ai dieci mila euro, più o meno» specifica Adonia. Inoltre, ogni candelora riceve circa otto mila euro di contributo previa richiesta da parte dell'associazione socioculturale che la gestisce.

«I cerei - spiega ancora Adonia - sono di proprietà del Comune, anche se gestiti dalle associazioni, senza fini di lucro, delle corporazioni. A loro il merito di aiutare tanti ragazzi a stare lontano dalla strada. Li avvicinano ad Agata e insegnano loro il mestiere del portatore di candelora. Non è semplice fare l'annacata» conclude. L'organizzazione è davvero complessa. tanti gli sforzi richiesti sia personali che economici, ma tutto trova la sua giustificazione secondo il responsabile amministrativo del comitato. «Possono sembrare fuori dal normale, ma non è così se si pensa che è la terza festa religiosa al mondo per importanza e numero di persone che coinvolge. È una cassa di risonanza mondiale che porta lustro alla città. Per tutto il mondo Catania è Sant'Agata».

 

 

 

 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×