Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Raid dell'Etna, sfilata di auto d'epoca tra i tornanti
«Per mostrare a tutto il mondo luoghi più nascosti»

Dalla costa occidentale alla costa orientale, un viaggio di sette giorni alla scoperta dei luoghi simbolo della Sicilia, a bordo di una macchina d'altri tempi. Arrivano domani a Catania gli 80 equipaggi della gara mondiale. Venerdì sull'Etna. Guarda le foto

Michela Costa

Foto di: Marco Restivo

Foto di: Marco Restivo

Sono partite domenica 23 settembre da Palermo le 80 auto d'epoca che gareggeranno per la ventunesima edizione del Raid dell’Etna. Le auto, guidate da equipaggi provenienti da ogni parte del mondo si affronteranno in varie prove di regolarità che si svolgeranno durante la manifestazione. Sette giorni in cui la carovana percorrerà mille chilometri di tragitto, toccando i luoghi simbolo dell’Isola: dopo il viaggio da Genova e lo sbarco a Palermo dalla nave della flotta Gnv sponsor dell'iniziativa, le auto in gara hanno cominciato la prima prova cronometrata partendo da viale della Libertà, l'elegante arteria principale del centro del capoluogo siciliano. Dopo aver toccato Monreale, Castellammare del Golfo, Segesta, Mazara del Vallo,Erice, Selinunte, Marsala e Pergusa, nella serata di giovedì 27 il serpentone di auto storiche arriverà nel cuore della città di Catania, in piazza Università per la garaCoppa delle dame - Trofeo Eberhard & Co.


Venerdì 28, giornata della quinta tappa della gara, sarà il momento più atteso del tour con l'arrivo al Rifugio Sapienza, sul versante sud del vulcano Etna. Per questa prova cronometrata sarà necessaria tutta l'esperienza e l’abilità dei piloti data la particolarità del percorso, tutto in salita e con numerosi tornanti. Gli equipaggi vincitori saranno premiati con la Coppa delle dame - Trofeo Eberhard & Co., la Coppa Condorelli fidelity, la Coppa gentlemen driver Perofil e la Coppa lady driver Oroblù. «In genere ammettiamo solo due o tre equipaggi siciliani, ma il resto del gruppo viene da ogni parte del mondo: abbiamo dieci equipaggi dalla California, nove da Bergamo, sei dalla Polonia e sei da Lugano più altri che vengono dal Giappone, dalla Germania e dall'Austria», dichiara Giovanni Spina, ideatore e organizzatore dell'evento. 

«Durante il Raid cerchiamo di mostrare la Sicilia più nascosta, le residenze nobiliari chiuse al grande pubblico, in una sorta di rivisitazione della classica gita fuori porta che si faceva una volta con le auto, in un'atmosfera rilassata di quella che potremmo definire una vacanza sportiva». Il Raid dell’Etna si chiuderà sabato 29 settembre con l'ingresso a Catania e la sfilata delle auto al centro storico. A seguire, le premiazioni. Partner dell’iniziativa sono Eberhard & Co, Oroblù, Perofil, Centro Porsche Catania, Automobile club d’Italia, Condorelli, Firriato, Gnv, Michelin, Unicredit. Per chi volesse assistere alla sfilata delle auto tuffandosi per qualche ora in un'atmosfera d'altri tempi tra cromature d'epoca e scalpitanti ruggiti di motori l'appuntamento è giovedì sera alle 19 e sabato mattina a piazza Università.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×