Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Forte scossa di terremoto avvertita nel Catanese
Magnitudo 4.8, epicentro a Santa Maria di Licodia

Alle 2.34 di questa notte i sismografi dell'Ingv di Catania hanno registrato un sisma localizzato a meno di due chilometri dal Comune licodiese, a una profondità di circa otto chilometri. Guarda le foto. In aggiornamento

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita, intorno alle 2.34 di questa notte, in parte del territorio della provincia di Catania. Secondo il comunicato che l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia - osservatorio etneo - ha inviato alla protezione civile, la magnitudo del sisma è stata pari a 4.8 e l'epicentro è localizzato a 1,9 chilometri di distanza da Santa Maria di Licodia, a una profondità di circa otto chilometri. In base a quanto si apprende dalla centrale operativa dei vigili del fuoco del comando provinciale di Catania, non ci sarebbero feriti. Alcune persone, in diversi Comuni dell'hinterland, sono state portate in ospedale per motivi precauzionali. Alle 2.59, invece, l'Ingv ha registrato un secondo terremoto: di magnitudo 2.5 e con epicentro, stavolta, a tre chilometri da Biancavilla.

Crollo dei calcinacci di Palazzo Ardizzone, a Santa Maria di Licodia

Chiesa di Santa Barbara, a Paternò

Chiesa di Santa Barbara, a Paternò

Chiesa di Santa Barbara, a Paternò

Chiesa di Santa Maria dell'Idria, a Biancavilla

Cittadini scesi in strada a Biancavilla

Santa Maria di Licodia

Santa Maria di Licodia

Il sindaco di Licodia, Totò Mastroianni, conferma il crollo di un cornicione all'esterno di Palazzo Ardizzone, in via Vittorio Emanuele, ex sede del municipio che attualmente ospita la biblioteca comunale. «Non ci sono feriti - dichiara a MeridioNews il primo cittadino - Tra qualche ora, quando sarà giorno, faremo una ricognizione con gli uffici tecnici, i vigili urbani e la protezione civile. Intanto stiamo tentando di ripristinare la normale viabilità di via Vittorio Emanuele, che è la strada principale della città».

Crolli e palazzi lesionati anche nelle altre due località più vicine all'epicentro della prima scossa: Paternò (3,6 chilometri) e Biancavilla (5,5 chilometri). I cittadini di tutti i Comuni più colpiti sono usciti dalle loro abitazioni e sono scesi in strada. A Paternò la chiesa di Santa Barbara è stata transennata per via della caduta di alcuni calcinacci e del formarsi di una evidente frattura sul prospetto frontale della facciata. A Biancavilla alcuni calcinacci si sono staccati, invece, dalla chiesa di Santa Maria dell'Idria. Gli edifici più antichi sono quelli che per primi hanno manifestato i segni del sisma. Il terremoto è stato avvertito in tutta la provincia di Catania e fino ai territori di Siracusa, Enna e Messina.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×