Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Terremoto, movimenti dell'Etna all'origine del sisma
«Faglia Licodia forse attivata da risalita magma»

Una delle fratture del versante sud della montagna sembra essere collegata alle scosse che, stanotte, hanno terrorizzato Santa Maria di Licodia, Biancavilla e paesi vicini. Il punto di MeridioNews con il direttore dell'Osservatorio Etneo Eugenio Privitera

Francesco Vasta

È assai probabile che siano state le inquietudini del vulcano Etna a mettere in moto il sisma che nella notte ha terrorizzato i paesi del versante sud-ovest della montagna catanese. Gli indizi finora sul tavolo puntano tutti verso quella direzione e, già nelle prossime ore, gli scienziati dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia potranno dare qualche certezza in più. «Non escludiamo che il terremoto sia legato ai meccanismi di ricarica dell'Etna», ammette il direttore dell'Ingv-Osservatorio etneo di Catania Eugenio Privitera. Che la grande montagna si gonfi come un pallone, grazie al magma che risale da sotto la crosta terrestre, non è una novità. Tale dinamica geologica viene costantemente monitorata e studiata dagli esperti, assieme alle sue correlazioni con i movimenti delle tante fratture che tagliano i fianchi del vulcano. Già oggi alcuni ricercatori sono al lavoro per dei rilievi sul campo.  

Una di queste strutture è quasi certamente collegata al terremoto che ha avuto epicentro a quasi due chilometri da Santa Maria di Licodia, a una profondità di circa otto chilometri. In quella zona scorre la faglia denominata Vallone Licodia, «estesa fino ai crateri sommitali», ricorda il direttore Privitera. «I dati sulla profondità dell'evento ci lasciano pensare - prosegue il capo dell'Ingv di Catania - che tutto sia connesso alla risalita del magma che diventa una sorgente di stress per le strutture tettoniche lungo quel versante del vulcano». I terremoti tipici dell'area etnea, quando non legati allo scontro fra le placche, non sono altro che il frutto di queste sollecitazioni. 

Le scosse di Licodia sarebbero allora un'altra puntata di sciami e sequenze sismiche già avvertiti nelle scorse settimane. Da ultimo, movimenti di magnitudo minore, rispetto alla 4.6 odierna, si erano registrati pochi giorni fa lungo altre faglie in Valle del Bove, vicino monte Fontane e lungo la faglia Pernicana, sul versante nord dell'Etna. «Circa un anno fa - aggiunge poi Privitera - nell'area oggi colpita si era verificato una scossa magnitudo 3.3»

Ma la storia di sismi, a carattere locale ed effetti non di poco conto, è ancora più densa. Al netto dei grandi disastri come nel 1693, lo stesso Ingv ha citato il terremoto di Aci Sant'Antonio del 1818, con ipocentro simile ma magnitudo 6.3. Più di recente c'è chi rammenta i terremoti di Fleri nel 1984 e quello di Santa Venerina nel 2002. «La scossa di stanotte è stata ancora più profonda rispetto a quegli eventi, estremamente superficiali, più distruttivi ma con effetti molto ristretti sul territorio», spiega ancora il direttore Ingv. Il terremoto di Licodia, come confermato dagli scienziati, ha invece avuto una vasta area di risentimento, percepito fino a Messina e Siracusa.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×