Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, è morto l'ex onorevole Dc Nino Lombardo 
Candidato sindaco a 90 anni. «È storia della città»

I funerali del decano della Democrazia cristiana saranno martedì. Deputato regionale e nazionale, è stato pure consigliere e assessore comunale. «Fino a qualche giorno fa - dice il sindaco Naso a MeridioNews - aveva progetti per migliorare la comunità» 

Salvatore Caruso

È morto all’alba di oggi l’ex onorevole Nino Lombardo. Il decano della Democrazia cristiana siciliana, qualche giorno fa, era stato ricoverato alla clinica Morgagni per uno scompenso cardiaco. Lì è morto poco dopo le 3.30 di questa mattina all'età di 91 anni (compiuti lo scorso 14 luglio).

Avvocato e uomo forte della vecchia Dc, Lombardo è stato più volte deputato non solo regionale, ma anche nazionale dalla settima alla nona legislatura. A Paternò, inoltre, il 91enne è stato sia consigliere comunale che assessoreNelle ultime elezioni amministrative, quelle del giugno 2017, a 90 anni già compiuti, Lombardo si era presentato ai nastri di partenza candidandosi a sindaco con una lista civica che portava il suo nome

A MeridioNews aveva spiegato il perché della candidatura affermando di avere «una proposta di amministrazione della città diversa dagli altri candidati; secondo me può risolvere i problemi di questa città, ossia un governo della città con tutti i candidati con la collaborazione di consiglieri eletti nella maggioranza e nell’opposizione».

Uomo conosciuto e politico influente, a lui si devono a Paternò la nascita del quartiere Ardizzone e lo sviluppo della zona Asi di Tre Fontane. Di recente, con la associazione culturale Il Cenacolo aveva contribuito a ristrutturare un’ala della biblioteca comunale G. B. Nicolosi donando alla città pure una trentina di computer di ultima generazione. Un suo contributo era arrivato anche per la creazione di una biblioteca multimediale. In passato, si era occupato del restauro dei Pupi siciliani

Cultura e tradizioni popolari rappresentavano per lui possibilità di sviluppo per la città e i cittadini, proprio come la zona Asi. «Due le opzioni su cui si deve lavorare: da una parte, la zona industriale di Tre Fontane che deve essere completata - diceva a Meridionews - per poter ospitare degli investimenti. L’altra fonte che potrebbe creare lavoro per i giovani è il progetto di un piano di sviluppo archeologico e monumentale. Una iniziativa che potrebbe portare in città finanziamenti europei». 

Rammarico del sindaco Nino Naso per la morte di Lombardo che descrive come «un grande uomo politico e di cultura che ha fatto la storia della nostra città, senza fermarsi mai. Fino a qualche giorno fa - aggiunge - ci siamo incontrati per portare avanti alcune proposte di grande spessore per migliorare la nostra comunità. Un uomo instancabile e generoso, una figura insostituibile della nostra Paternò», conclude il primo cittadino. I funerali si terranno martedì mattina, alle 10.30, nella parrocchia Spirito Santo a Paternò.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×