Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Paternò, in agitazione le dipendenti di una coop
«Da nove mesi senza stipendio, è drammatico»

Le lavoratrici della cooperativa Azione sociale forniscono assistenza igienico sanitaria ai bambini diversamente abili degli istituti scolastici cittadini. Ma non incassano le spettanze da circa un anno. «Il Comune ci riceva», dice il sindacalista Roberto Prestigiacomo

Salvatore Caruso

Foto di: google maps

Foto di: google maps

Ormai da nove mesi senza stipendio, sono ora in stato di agitazione (convocato dalla Uil) le 22 operatici della cooperativa Azione sociale, che si occupano dell’assistenza igienico personale dei circa 60 bambini portatori di handicap che frequentano le scuole di Paternò. «Lavoriamo solo 13 ore a settimana - dicono - e poi non prendiamo stipendi da mesi. La nostra attività lavorativa è davvero drammatica. Chiediamo solo quello che ci spetta». Il sindacalista Uil Roberto Prestigiacomo ha chiesto un incontro al sindaco Nino Naso, all’assessore ai servizi sociali Nancy Leotta e ai dirigenti dell'ufficio ai servizi sociali del comune. 

«Avevamo chiesto diverse volte la convocazione di un tavolo con i vertici comunali e i dirigenti dell’ufficio - spiega - ma non abbiamo avuto risposta. Lo stipendio mensile è davvero basso, poi si aggiunge anche la beffa di non vedersi pagare gli stipendi da nove mesi. L’ultimo stipendio liquidato alle 22 operatici è quello di novembre 2017». 

Prestigiacomo evidenzia che il Comune di Paternò deve ancora saldare alla cooperativa le fatture emesse dal dicembre 2017 in poi. L’assessore ai servizi sociali Nancy Leotta ha replica sostenendo che «già la settimana scorsa abbiamo dato disposizione agli uffici di liquidare alla cooperativa le fatture di dicembre 2017 e gennaio 2018. Per domani alle 12.30 - aggiunge - ho convocato negli uffici dell’assessorato le parti interessate per affrontare assieme la problematica in oggetto».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×