Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Bellini, incontro in prefettura su 18 licenziamenti
«Il bacino sarebbe soluzione per ricollocamento»

Nove portinai e nove addetti alle pulizie hanno ricevuto una lettera che mette fine al loro lungo rapporto lavorativo con due aziende. I sindacati chiedono che «tutto il personale venga salvaguardato». Dal Comune l'impegno a farli riassumere anche altrove

Marta Silvestre

Foto di: Marco Militello

Foto di: Marco Militello

«Noi chiediamo che tutto il personale venga salvaguardato». È questa la richiesta che arriva da Giuseppe Grillo, sindacalista di Filcams di Catania all'indomani del tavolo tecnico che si è tenuto in prefettura per discutere sui licenziamenti di 18 dipendenti dell'istituto musicale Bellini. La lettera che mette un punto a rapporti lavorativi di lungo corso, a partire dall'1 ottobre, è arrivata a nove portinai e nove addetti alle pulizie alla fine di settembre. Le due aziende hanno dichiarato di aver ricevuto dall’istituto musicale Bellini la cessazione del servizio lo scorso 24 settembre, comunicando a loro volta il cambio d’appalto al centro dell'impiego. «La nostra richiesta - ribadisce il rappresentante di Filcams - è che si apra un bacino prefettizio per provare a trovare una ricollocazione a tutti i dipendenti tagliati fuori dal rinnovo dei contratti».

«Durante l'incontro abbiamo fatto parlare innanzitutto le due aziende - spiega a MeridioNews Grillo che ieri era presente al tavolo cui sedeva anche il vice prefetto Tommaso Mondello e l'assessora alla Cultura Barbara Mirabella in rappresentanza del sindaco della città metropolitana Salvo Pogliese - perché sono loro che al cambio d'appalto aprono le nuove procedure ma hanno confermato, anche in modo piuttosto palese, che non possono tenere tutti i dipendenti». Scaduta la quinta proroga dei due appalti per le aziende Bsf e Multiprofessional, ai lavoratori viene comunicato il subentro di Pubbliservizi per l'espletamento degli stessi lotti dell'appalto. La società in house della città metropolitana di Catania si presta a offrire i servizi perché, per mancanza di liquidità, la ex Provincia regionale avrebbe informato il consiglio d'amministrazione dell'istituto Bellini di non poter versare il suo contributo annuale da circa un milione e 700mila euro. L'avvocato Gianfranco Todaro, legale dell'istituto Bellini, nel corso dell'incontro ha confermato di non ricevere più i contributi. 

«Durante l'incontro di ieri - continua Grillo - la città metropolitana ha chiarito che non è in condizioni di poter assumere nessun lavoratore tramite Pubbliservizi». La partecipata dell'ex provincia etnea è, infatti, sotto curatore fallimentare dallo scorso luglio. La promessa fatta dalla città metropolitana sarebbe quella di erogare comunque una parte della somma e di supplire alla restante con le prestazioni di Pubbliservizi. «Sospettiamo abusi e tratti di illegittimità in questo affidamento diretto - sostengono dalla Fsi-Usae - e che a pagare siano solo i lavoratori con il loro licenziamento». La federazione dei sindacati indipendenti ha stilato un documento in cui vengono elencate alcune richieste di verifica presentate al vice prefetto.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×