Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il nuovo prefetto e il nipote da 32mila preferenze
La famiglia Sammartino e la nomina ministeriale

Lo zio Claudio, nuovo capo della prefettura, fu nel '93 membro della commissione straordinaria che resse il Comune di Aci Catena dopo lo scioglimento per mafia, quando sindaco era Raffaele Nicotra. Che poi sarebbe diventato uno dei fedelissimi del nipote Luca

Marco Militello

Zio e nipote. Claudio e Luca. Con un solo, pesante cognome: Sammartino. Ebbene sì. Il nuovo prefetto di Catania, la massima autorità per l'ordine pubblico in provincia di Catania, è lo zio di Luca Sammartinoparlamentare regionale dem da oltre 32mila preferenze, tra i leader del partito a livello regionale e coinvolto nello scandalo dei voti nella casa di cura Sant'Agata Li Battiati. Secondo alcuni, Sammartino è uno dei candidati al ruolo di guida del Pd Sicilia. Zio di primo grado, fratello del padre: un allineamento decisamente singolare, per quanto casuale. Una sorpresa per chi, a Roma, è più vicino al ministro dell'Interno Matteo Salvini. Ma che, invece, non risulta troppo stupefacente per i luogotenenti salviniani in Sicilia.

I parallelismi non finiscono con la parentela. Perché tra i tanti luoghi dove il prefetto Claudio Sammartino ha prestato la sua opera c'è il Comune di Aci Catena. Per l'esattezza, nei primi anni Novanta. Anni difficili, quelli. Il curriculum del nuovo capo della prefettura recita che «dal 1993 al 1995 è stato componente della commissione straordinaria per la gestione del Comune di Aci Catena, i cui organi erano stati sciolti per sospetto di infiltrazioni mafiose». Ma cosa accade nel '93? Muore Maurizio Faraci, cognato del boss locale Nuccio Coscia Sciuto (a sua volta scomparso poco tempo fa). Faraci viene ammazzato nel maggio 1993, durante una rapina a una gioielleria di Acireale. 

Il suo è un nome ingombrante, perché inserito in un commando specializzato dei Santapaola, al punto da convincere il questore di Catania di allora a vietarne i funerali. Per evitare problemi di ordine pubblico e ostentazioni di forza criminale. Non la pensa così l'allora sindaco Raffaele Pippo Nicotra, addirittura determinato a fare annullare il divieto in nome di «un sentimento di pietà verso i defunti». I carabinieri però gli rispondono picche e il primo cittadino, come si legge nelle annotazioni di servizio di quegli anni, si presenta al cimitero. Sostando a lungo accanto a Sciuto, «quasi a volerlo consolare» per la morte del cognato. Poco dopo il Comune guidato da Nicotra viene sciolto per mafia

A quell'epoca Luca Sammartino aveva appena otto anni, e non poteva neanche lontanamente immaginare molti dei fatti che sarebbero accaduti dopo. Né la nomina dello zio nella commissione straordinaria di reggenza del Comune di Aci Catena, sciolto per mafia. Né la circostanza che anni dopo Raffale Nicotra sarebbe diventato uno degli uomini a lui più vicini sul piano politico, e che avrebbero percorso un discreto pezzo di strada insieme. Mercoledì scorso Nicotra è stato arrestato con accuse gravissime: concorso esterno in associazione mafiosa, tentata estorsione aggravata e scambio elettorale politico mafioso. Nelle carte dei magistrati, diversi collaboratori di giustizia parlano del re catenoto dei supermercati. «È risaputamente avvicinato alla famiglia Santapaola, che paga la famiglia Santapaola», dice Giuseppe Laudani. Che poi, rivolgendosi al pm che lo sta interrogando, aggiunge: «Io glielo preciso: per le elezioni». Accuse che dovranno reggere l'urto di un processo. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews