Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Monopoli-Catania 0-0, chi sale e chi scende
Pisseri torna superman, sulle fasce si soffre

Fuori casa a guadagnare la palma di migliore è il portiere, bravo nel primo tempo su Mangni e Scoppa e dando poi sicurezza a tutto il reparto. Rossazzurri in sofferenza sulle corsie esterne, con Baraye e Calapai spesso in ambasce

Giorgio Tosto

Il secondo pareggio in trasferta della stagione ha un grande protagonista. Si tratta di Matteo Pisseri, i cui interventi sono basilari per non far naufragare la squadra nel primo tempo. Grande anche il lavoro in attacco di Alessandro Marotta, bravo a far salire la squadra, facendo spesso reparto da solo e aiutando i suoi compagni nel lavoro difensivo. Baraye e Calapai, quanti grattacapi sulle fasce!

Top 

Matteo Pisseri: il numero 12 etneo torna finalmente in versione Superman. Il primo intervento decisivo è già al 9', quando si produce in una grandissima parata a terra sul sinistro al veleno di Doudou Mangni. Quindi da sicurezza ai compagni di squadra, intercettando qualsiasi palla vagante passi dalle sue parti. L'altro intervento decisivo avviene al 40': l'angolo di Scoppa, alla Maradona, non viene intercettato da Marotta che salta a vuoto. Ci pensa lui, con grande istinto, a togliere la palla dalla porta.

Top

Alessandro Marotta: la punta del Catania stavolta non va in gol, ma gioca una partita tutta corsa e cuore, rendendosi di grande aiuto per i compagni. Il numero 9 corre, lotta e sgomita su ogni pallone, facendo la guerra a tutta la difesa del Monopoli, tenendo alta la squadra e andando a dare manforte dietro quando è necessario. Il solito, grande trascinatore.

Top

Marco Biagianti: quando c'è da lottare e da indossare l'armatura, lasciando da parte il fioretto, il Capitano rossazzurro c'è sempre. Combatte su ogni pallone, dando ordine a centrocampo e intercettando ogni pallone vagante. Tiene su la squadra nei momenti di difficoltà, cercando di non far arretrare troppo il baricentro, in un secondo tempo spesso in apnea. Prova largamente sufficiente. 

Flop

Joel Baraye: l'ex terzino sinistro di Parma ed Entella gioca una partita migliore rispetto alla ultima, disastrosa apparizione contro il Trapani, ma le difficoltà rimangono. Dalle sue parti Rota fa il bello e cattivo tempo, mettendolo alla frusta. Spesso lì si allarga anche Doudou Mangni, rendendosi pericolosissimo con una conclusione attorno al 20'. Impreciso anche in fase di spinta, non trovando mai lo spunto per cross insidiosi. 

Flop

Luca Calapai: incontra sofferenze simili a quelle di Baraye, contro dirimpettai tosti come Donnarumma e Mercadante. E' più bravo di Baraye a contenere, ma si fa vedere troppo poco in fase propositiva, non supportando a dovere il reparto avanzato. La sua prestazione sfiora la sufficienza, ma da un giocatore della sua levatura ci si attende chiaramente di più. 

Flop 

Davis Curiale: stavolta il bomber dello scorso campionato di C stecca. La colpa non è completamente sua, dato che i compagni non lo aiutano. Lui però, che per caratteristiche è meno abituato a dar manforte alla squadra rispetto a Marotta, non trova mai i tempi giusti per impensierire la difesa pugliese, non riuscendo neanche a duettare col compagno di reparto. Prova opaca, stavolta.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×