Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Dissesto, l'ultima preghiera del sindaco Pogliese
A Di Maio e Salvini: «10mila famiglie a rischio»

I soldi sono davvero finiti: in una lettera al governo Lega-M5s il primo cittadino etneo lo mette nero su bianco. Evocando anche uno scenario da incubo per la città di Catania. Serve al più presto il contributo straordinario chiesto da mesi

Redazione

Foto di: Dario De Luca

Foto di: Dario De Luca

Il tempo è scaduto. Ne prende atto il sindaco Salvo Pogliese, giocandosi l'ultima carta prima dell'inevitabile dichiarazione di dissesto finanziario per il Comune di CataniaL'aiuto promesso a Ferragosto dal ministro Matteo Salvini non si è ancora visto. Senza di quello, come ampiamente illustrato dal vicesindaco e assessore al Bilancio Roberto Bonaccorsi in una intervista a MeridioNews, anche presentare un nuovo piano di riequilibrio non avrebbe senso. Prima ancora dei debito, lo scoglio insormontabile - lo dice chiaramente Pogliese in una lettera-preghiera indirizzata al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e ai due vice Luigi Di Maio e, appunto, Salvini - è la crisi di liquidità

L'ancora dell'anticipazione di cassa era già quasi del tutto evaporata prima dell'insediamento dell'amministrazione di centrodestra: «Sono state intraprese interlocuzioni - ricorda il primo cittadino etneo - con autorevoli rappresentanti dell’esecutivo nazionale, trovando sempre attenzione e disponibilità, affinché il Comune di Catania potesse usufruire di un contributo straordinario per riequilibrare il bilancio gravato da un miliardo e 600 milioni di debiti e fare fronte alla gravissima crisi di liquidità, visto che l’anticipazione di cassa annuale di 188 milioni era già stata pressoché esaurita alla data dell’insediamento della nuova Amministrazione». 

Dal punto di vista di Pogliese, è il contributo lo step decisivo per il «percorso di responsabilità» che il Comune avrebbe iniziato al fine di rientrare dalla crisi economica. Le altre tappe sono state, finora, il ricorso in appello alle sezioni riunite della Corte dei Conti di Roma contro la dichiarazione di dissesto, ma anche la delibera del Consiglio con la manovrina correttiva da 449 milioni di euro, al fine di far «rientrare nell’alveo della veridicità i documenti contabili del Comune» adottando le misure richieste dai magistrati contabili di Palermo.

In sintesi: abbiamo fatto il possibile, adesso l'unica cosa che servono sono i soldi. Altrimenti «giocoforza saremo costretti a prendere tempestivamente atto del default». Quanto già ingiunto dalla Corte dei conti a luglio. A giorni dovranno pagarsi gli stipendi dei migliaia di dipendenti, fra Comune e partecipate: «L’imminente scadenza - scrive ancora Pogliese - ci vede costretti a fare fronte alle necessità sopra elencate (aggravate dai rinvii ai pagamenti dei mesi scorsi a cui non si è potuto ottemperare) senza che materialmente, però, si possa dare seguito a nessuna delle obbligazioni».

Lo scenario che il sindaco di Catania prospetta ai vertici del governo Lega-M5s è da incubo: «Tra impiegati diretti, delle partecipate e dell’indotto, l’ente interessa circa 10mila famiglie, che chiedono legittimamente di avere onorati gli impegni della Pubblica Amministrazione». Un intero pezzo di città, considerando anche le aziende creditrici, dovrebbe fronteggiare perdite finanziarie enormi: «Per questo vi reiteriamo - conclude Pogliese - un improcrastinabile e urgentissimo vostro pronunciamento di sostegno finanziario straordinario, che eviti i gravissimi rischi di un inevitabile default del Comune di Catania».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×