Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Terremoto, la cronometro del ministro Luigi Di Maio
«In finanziaria fondi per le costruzioni antisismiche»

Un Comune dopo l'altro, mezz'ora ovunque. È questo il tempo che il vicepresidente del Consiglio ha dedicato ai Comuni colpiti dal sisma dello scorso 6 ottobre. Da Paternò a Santa Maria di Licodia, con un unico ritornello: «I tempi della ricostruzione saranno veloci»

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

È stata una visita lampo, mezz’ora circa per ogni singolo Comune vittima del terremoto, quella del vicepresidente del consiglio nonché leader del Movimento 5 stelle Luigi Di Maio. Come aveva anticipato nell’incontro di lunedì scorso a Palazzo Chigi, il ministro del Lavoro è volato in Sicilia per constatare personalmente i danni arrecati dal sisma dello scorso 6 ottobre e dall'alluvione (quella nel Calatino, nel Siracusano e nell'Ennese) del 19 ottobre. Alle 8.15, Di Maio - accompagnato da Giancarlo Cancelleri e dal capo della protezione civile Angelo Borelli - ha fatto tappa sulla Collina storica di Paternò. A riceverlo, tra imponenti misure di sicurezze adottate dai carabinieri, oltre a una selva di giornalisti, il sindaco Nino Naso e il resto della giunta, il presidente del consiglio Filippo Sambataro e i componenti dell’assise civica. Presenti anche i deputati regionali pentastellati del territorio. 

«I tempi devono essere veloci - ha esordito Di Maio assediato dai cronisti -. Questi sono giorni in cui quantificheremo in modo dettagliato i danni ed è chiaro che si parte dalle scuole e dagli edifici fondamentali per le comunità. Si porteranno anche avanti tutte le iniziative volte a risarcire e a ricostruire, ridando agibilità agli edifici». Il leader pentastellato ha inoltre evidenziato che nella legge di bilancio ci sono cinque miliardi di investimenti tra cui anche soldi che riguardano le ristrutturazioni antisismiche: ossia la messa a norma degli edifici. A Paternò Di Maio ha effettuato un sopralluogo alla Matrice dove sono presenti delle crepe sulla navata laterale. «Sono contento perché si sta facendo sul serio - ha detto a caldo il sindaco Naso - Abbiamo il governo nazionale vicino. Tutto ciò ci conforta».

La carovana istituzionale si è poi spostata a Ragalna, in piazza Cisterna. Anche qui ad attenderlo il sindaco, Salvatore Chisari. Di Maio è entrato per dare un’occhiata nelle due chiese danneggiate dal sisma: Madonna del Carmelo e Santa Barbara. «Ci aspettiamo che in tempi brevissimi si possa ricevere lo stato di calamità e così ottenere l'aiuto economico per le chiese: 150 e 120mila euro, rispettivamente, almeno secondo le stime - ha precisato Chisari - Anche se i progetti complessivi supereranno il milione e mezzo di euro». Terza tappa il Comune di Santa Maria di Licodia con, in prima fila, il sindaco Salvatore Mastroianni. Lì il leader a cinquestelle ha dedicato cinque minuti ai cittadini licodiesi, riuniti in consiglio. 

A Biancavilla l'accoglienza si è svolta davanti alla scuola elementare Guglielmo Marconi di via Vittorio Emanuele. Il numero due del governo gialloverde ha visitato l'istituto con il primo cittadino Antonio Bonanno, prima di spostarsi a passeggiare per Adrano con il sindaco Angelo D'Agate. Quest'ultimo attendeva il vicepresidente del Consiglio in via Roma, alla scuola Canonico Buscetta, dalla quale poi si sono spostati all'interno della chiesa Madre in piazza Umberto. Dove la crono-visita di Luigi Di Maio sui luoghi del terremoto si è conclusa.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×