Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Il nuovo murales all'esterno della Cappella Bonajuto
«Nella speranza che a Catania soffi un vento d'arte»

Classe 1980, argentino di nascita e romano di adozione. È il profilo di Gomez, lo street artist che ha appena finito di realizzare un suo lavoro all'esterno della cuba tardo-bizantina nascosta tra i palazzi barocchi. «Un bene che va valorizzato», dice il proprietario

Giorgia Lodato

«La cappella Bonajuto è ancora un bene poco conosciuto e credo proprio di avere imboccato la strada giusta commissionando allo street artist Gomez un intervento al suo esterno». Non ha dubbi ed è entusiasta della sua scelta Salvatore Bonajuto, proprietario della cuba tardo bizantina nascosta tra i palazzi barocchi di Catania, che stamattina inaugura il murale barocco realizzato dall’artista – classe 1980 - di origini argentine ma romano d'adozione, che gode ormai di fama internazionale. «Ho restaurato la cappella a cavallo tra il 2001 e il 2002, ben 16 anni fa, in un momento in cui a Catania tanti interventi dovevano ancora essere fatti – osserva Bonajuto. E dopo il restauro della cappella, bene di famiglia da secoli ma che considero di tutti e per questo sono felice di valorizzare e riqualificare, sono stati avviati i restauri di Palazzo Platamone, Palazzo Valle, teatro Sangiorgi. Credo proprio di essere stato il primo a dare un segnale forte in questa direzione, ponendo l’attenzione su un sito di estrema bellezza situato nel cuore pulsante della città, la civita».

Proprio di fronte all'ingresso del luogo di culto sorge il grande murale di Gomez – autore anche della Reggia di Caserta realizzata sui muri della rimessa Amt di via Plabiscito - che accoglierà turisti e catanesi, attirando, si augura il proprietario del sito archeologico, soprattutto i giovani. «Io non sono più tanto giovane, ma con un figlio 18enne vedo che la street art oggi è molto popolare e i ragazzi sono attentissimi a queste forme d’arte, che hanno anche delle eccellenze, come lo è stato in passato Keith Haring», aggiunge Bonajuto, che rivela a MeridioNews la sua personale propensione per la pittura. «Anche io mi sto affacciando in punta di piedi nel mondo artistico ed entro fine anno presenterò i miei lavori a Palermo dove in questo momento, essendo capitale della cultura, c’è concentrata tutta l’attenzione degli appassionati d’arte e degli addetti ai lavori».

«Le mie materie sono il paesaggio e l’ambiente – spiega - ma non ho una grande preparazione sugli artisti contemporanei, quindi mi sono affidato ai miei consulenti, Giuseppe Stagnitta, curatore d'arte, appassionato di street art e promotore dell'Emergence festival, e Angelo Bacchelli, collezionista e tra gli ideatori dei progetti di riqualificazione dei silos al porto e di Amt art project, che mi hanno senza dubbio ben indirizzato». Se alcuni street artist puntano più sul colore, Gomez riesce solo con l’uso del bianco e nero a realizzare dei chiaroscuri straordinari e a dare luce e tridimensionalità alle figure caravaggesche che dipinge, tanto che alcuni vedendo le fotografie dell’opera work in progress hanno creduto si trattasse addirittura di una scultura.

«La Cappella al momento si presenta al massimo della sua bellezza. Gli spazi, che sono stati da poco restituiti al volume puro dell’architettura, diventeranno spazi dedicati a grandi eventi artistici. E questa sarà dunque la prima pietra di un percorso che, da ottimista, spero possa far soffiare anche dalle nostre parti il vento di cultura e di ricerca del bello che ho visto soffiare a Palermo in questi mesi». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×