Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Processo Lombardo, due pentiti accusano
«Voti per l'Mpa comprati a 40 euro»

In cambio di favori e appalti pubblici, l'appoggio dei candidati per il Movimento fondato dal governatore siciliano: un partito ben portato da tutti gli uomini d'onore di Catania, della provincia e della Sicilia orientale, perché non tradiva in caso di bisogno. Così descrivono il movimento per le autonomie i due collaboranti Maurizio Di Gati e Francesco Jacono, ascoltati oggi nel corso dell'udienza per il procedimento a carico del Presidente regionale e del fratello. Prossima udienza, il 3 aprile. Ascolta le audizioni

Claudia Campese

«L'ordine era quello di votare Mpa perché era un partito ben portato a Catania, in provincia e in tutta la Sicilia orientale». Così Maurizio Di Gati, ex reggente di Cosa Nostra nella provincia di Agrigento, racconta il presunto appoggio politico dato dalla mafia al partito del presidente della regione Raffaele Lombardo. Accuse di cui il governatore e il fratello Angelo, deputato nazionale Mpa, devono rispondere nel processo a loro carico per voto di scambio. Di Gati, nel frattempo diventato collaboratore di giustizia, ha parlato durante l'udienza di oggi insieme al pentito Francesco Ercole Jacone, ex esponente della famiglia mafiosa di Caltanissetta. Si è avvalso invece della facoltà di non rispondere il gelese Maurizio La Rosa. «Non può collaborare perché è estraneo a qualunque consorteria mafiosa - spiega il suo legale, Dino Milazzo - che avrebbe quindi da raccontare?». Quello che invece i pm avrebbero voluto chiedergli è se anche a Gela, come ad Agrigento e Caltanissetta - secondo i racconti dei collaboranti - fosse arrivato l'ordine di appoggiare il partito di Lombardo e che cosa le cosche ne avrebbero avuto in cambio. Un passaggio decisivo che riguarda anche l'accusa originaria di concorso esterno in associazione mafiosa ai fratelli Lombardo. Imputazione poi derubricata in reato elettorale e di cui nel frattempo si discute l'archiviazione.

Abbonati a MeridioNews per continuare a leggere l'articolo

È gratis per i primi 30 giorni

Un piccolo sostegno a fronte di un grande lavoro: per leggere il giornale dal tuo smartphone, dopo 3 contenuti gratuiti ogni mese, ti chiediamo un contributo. In cambio non vedrai pubblicità invasiva e potrai scoprire tutti i nostri approfondimenti esclusivi.

Scopri di più

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×