Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Aci Catena, tentato furto in via Vittorio Emanuele
Terzo caso in pochi giorni, la strada rimane al buio

Nell'arteria del centro catenoto aumentano le paure dei commercianti. Nella notte tra sabato e domenica l'antifurto ha «salvato» un negozio di articoli da regalo. «Quadro elettrico guasto, risolveremo in breve», dice il sindaco Nello Oliveri

Carmelo Lombardo

Foto di: google maps

Foto di: google maps

Tentato furto ai danni di un’attività commerciale, ad Aci Catena. A una settimana dalla denuncia fatta dalla proprietaria di un’agenzia di viaggi in via Vittorio Emanuele, a cui erano stati rubati due monitor e un centinaio di euro, stavolta a finire nel mirino dei malviventi è stata la commerciante del negozio di articoli da regalo che si trova lì accanto. La quale, nella notte tra sabato e domenica, è stata avvisata dall’antifurto presente nel suo locale: il dispositivo avrebbe messo in fuga i ladri, che - sorpresi - sono scappati a mani vuote, riuscendo soltanto a rompere la saracinesca. L’antifurto era collegato anche ai dispositivi personali della proprietaria e dei suoi familiari. Che in piena notte si sono fiondati sul posto e hanno rilevato i danni subiti dopo lo scasso. 

Dopodiché hanno deciso di rivolgersi al vicino comando dei carabinieri, che si trova a pochi metri. Ma non avrebbero però ricevuto alcuna risposta. Questo emerge dal racconto della stessa commerciante. «Erano circa le 2 e 30 quando è scattato l’allarme – dice - per fortuna non hanno rubato nulla, ma allo scattare dell’allarme nessuno del palazzo avrebbe sentito nulla. Ci siamo dovuti rivolgere al comando di Acireale, perché ad Aci Catena non ha risposto nessuno dopo che abbiamo suonato più volte». 

La signora, che gestisce da anni un’attività di oggettistica, aveva già avuto a che fare con una circostanza simile. «L’anno scorso è successo ad agosto – dice –. Quella volta l’allarme era scarico e hanno portato via tutto». La stessa esercente, insieme ad altri commercianti della centralissima via di Aci Catena, adesso è sul piede di guerra, e punta il dito contro l’amministrazione. La lamentela dei commercianti sarebbe aggravata dal fatto che via Vittorio Emanuele e quasi tutta la zona nord della città da molti giorni sono completamente al buio. Situazione che mette a repentaglio tutti: dai pedoni ai guidatori fino ad arrivare ai commercianti. 

I quali domani vogliono incontrare il primo cittadino Nello Oliveri per dare voce al disagio che stanno attraversando. «Questa situazione è diventata insostenibile – rincara la dose commerciante - Col buio ci sentiamo sempre più insicuri ed esposti a qualsiasi tipo di pericolo. Per non parlare - aggiunge - del fatto che in questi giorni in cui si sta per avvicinare il periodo natalizio non sarebbe proprio bello nemmeno per noi commercianti trovarci le strade completamente al buio. Domani, durante l’incontro, esporrò tutto al sindaco».

Non si fa attendere la risposta del sindaco. «Capisco benissimo le parole della commerciante, infatti stiamo cercando di risolvere nel più breve tempo possibile – replica - Il guasto interessa un quadro elettrico. In più, in alcuni punti, è andato in cortocircuito un cavo di alimentazione per sovraccarico. Risolveremo tutto nella giornata di domani o al massimo dopodomani».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×