Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Polizia cattura otto malviventi specializzati in furti
La base del riciclaggio dentro un negozio di Acireale

Il gruppo avrebbe messo a segno 13 colpi in tutta l'area pedemontana. Tra gli oggetti portati via anche sanitari e infissi, poi riciclati a casa di uno degli arrestati. Decisivo l'utilizzo di intercettazioni telefoniche e ambientali. Guarda le foto

Redazione

Una banda specializzata nei furti all'interno di abitazioni in campagna. Sono otto le persone ritenute dagli investigatori appartenenti a un vero e proprio commando che avrebbe avuto la sua base operativa ad Acireale. Le indagini, condotte dagli agenti del commissariato di polizia della città dei cento campanili, sono partite nell'autunno delle scorso anno. Dopo che numerose case del comprensorio acese erano state svuotate con le medesime modalità operative. In questo modo gli investigatori sono arrivati ad alcuni noti pregiudicati. Si tratta di Nunzio Gangi e Domenico Leonardi

Antonino Mirenda

Concetto Nicolosi

Domenico Leonardi

Francesco Argentino

Nunzio Gangi

Camillo Leonardi

Sebastiano Cutuli

Sebastiano Patanè

Attraverso i due malviventi, e con l'ausilio di intercettazioni telefoniche e ambientali, sono stati messi insieme, uno dopo l'altro, i nomi dei presunti componenti della banda. Gli stessi che per mesi avrebbero spadroneggiato in tutta l'area pedemontana, e nello specifico nei territori dei Comuni di Acireale, Aci Sant'Antonio, Trecastagni, Pedara, Nicolosi e Zafferana Etnea. Per un totale di 13 episodi. La refurtiva comprendeva ceramiche di pregio, oggetti d'antiquariato, elettrodomestici ma anche sanitari e infissi, quest'ultimi riciclati nella casa dell'indagato Sebastiano Cutuli. Il grosso delle merce è stato restituito ai legittimi proprietari.

A occuparsi di piazzare i beni ci avrebbero pensato Antonino Mirenda e Concetto Nicolosi. Il primo attivo su Aci Sant'Antonio, e il secondo operativo ad Acireale anche grazie a un negozio di proprietà specializzato in elettrodomestici e computer. Il commerciante, secondo quanto ricostruito dalla polizia, avrebbe trasformato la propria attività in una sorta di base operativa del gruppo. Per Gangi, Leonardi e Francesco Argentino si sono aperte le porte della casa circondariale di piazza Lanza, a Catania. Camillo Leonardi, Salvatore Patanè e Cutuli sono stati messi agli arresti domiciliari mentre per i due presunti ricettatori è stato disposto l'obbligo di dimora nei comuni di residenza con il divieto di allontanarsi dalla propria abitazione, dalle 21 alle 7 del mattino. 

La polizia fa sapere inoltre che fosse rimasto vittima di furti in abitazione nel territorio in cui era attivo il gruppo criminale può rivolgersi al numero 095-7653011, chiedendo della squadra investigativa per l'eventuale riconoscimento degli oggetti trafugati.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Il processo Iblis tra mafia, politica e impenditoria

La cronaca di tutte le udienze, gli approfondimenti e gli stralci dal troncone principale con il rito ordinario del procedimento sulle collusioni politico-affaristico-mafiose nel Catanese

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×